Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strutture bipolari parassite nel processo BCD5: caratterizzazione statica e dinamica

Nel campo dell'elettronica di potenza è in atto un enorme sforzo tecnologico ed economico mirato a realizzare su un unico chip tutte le funzioni di cui un moderno sistema elettronico necessita, sia relativamente alla parte di controllo sia a quella di potenza. Una conseguenza dell'integrazione sullo stesso chip della parte di potenza e di quella di controllo è l'interferenza causata dalla prima alla seconda; pertanto nel campo dell'industria elettronica è molto sentita la necessità di studiare e comprendere i fenomeni parassiti che possono innescarsi in tali circuiti integrati.
In questo lavoro di tesi è stata effettuata una caratterizzazione completa, in condizioni statiche e dinamiche, dei parassiti bipolari nel processo BCD5 realizzato nei laboratori della STMicroelectronics di Cornaredo (MI).
In particolare, l'attenzione è stata focalizzata sui parassiti npn e pnp che possono attivarsi durante il pilotaggio di un carico induttivo mediante una configurazione a ponte (h-bridge).
I risultati sperimentali, sempre accompagnati da una analisi fisica che li giustificasse, sono stati di aiuto all'azienda al fine di migliorare le caratteristiche del processo, limitando al minimo gli effetti indesiderati causati dalla coesistenza delle due sezioni di controllo e potenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
[ QP K Sfl T K  Hbcfl SN    fffifffl ffi  !"# $% ffi"&'&## (ffi!fl) $"(+* >.90.E"K(‚@36D.-,/. ,„",I.9$0 410 2 )1 %3& 4!657 8%9ffi% ;:#%=<?> /ff @%:'&##flA/)%3&# (!%!B DCE FF G:' ff HF I*J&## (1 HF/(K/CL1%'&M/ &# (CN <(:# O"&  0 P!B :  > % :# ) DQSRO&/)fl & 4(!%!B ffi PTU!65ffV5=8 #&W&# XY Zff #4 Y A[]\ )fl:#ffi ff^ O&# FWR1!%_(/$`acb fffl cd%ef `4 F ffiSgffhd%f ab W&'& Z/ ffiDC W&#&#?> ":' ji$hlkmab % nd%effffCF od hpimacb fffl qd%ee3i=rF Egffhts ab ff% nd%ee3ku;*VF ffiZ(:v& ]\ R!flW&w(Y F ffi x#"&'&/)fl & yfl!B   ffi!65/z{ $(Zff# y('*Z|!" )1 %3&  8%[}-"&'&H:#ffiF OR!flP:'&# ffi<(Zffi X~!" :v& GR1:#:#T€)(/ &C# F"&'& ‚flffi ffA fl> M ‚%ffi fffifffl 4:  ffi!%ffi $uw:#ZƒZƒ$Z)%# „A FF ffi #fi;8%‚"‚flDC;†…$Z  <<1W&'&#%#[ x "‚%‚% )R(/ ffi 0 ‡ !65=fffl !%/)8 Jff%    !"# $% ffi"&'&## (ffi!fl 1 /& %ff‚?ˆ A ffi(W&Zff ffi‚%‚flm\ ‚flffi ffP*A D <O"&'& O> H‰!"Z(G&#flff%# 0PŁ |8"[…$Zfffl:v&# ‹Fflff%#Xn ( !%m\ ‚flffi DC/!" ^(v*ZJ!658"Œ…$Zfffl  ffi1& /ffi‚flO / ffiDCS [ W& Z ffi‚"‚? ‚flO _!"#? $Z)%# :#E <( ffi% DC( O%F3W&  F x"ŽxB&'& /: :#O&  0K %" r(v*Z(!"!"  !%ffi !%ZO& L:#ffiF OR!flffC8HZ O& AA// ffi: C8?>‘>ff!"(  V!" )8 fffl & D’:'“& ZS&#&  E!B )8 fffl3& E}- :#:#" ff%  ffi ):v&#fl:#:# )& ffi1 ‹T-& ZS&'& L(c:#"F (/ ffiy Y&ZS&'& Lc8 \ &#flff‚?3uMCn OJ &#%#}€" %‚"|:   "<<8%# †) Sfffl:v&#zXF ffioBŽx"&'& q M/:#: ]&n:# ff :#%) V:#%!" ( DC(!fl W&'& "O‚%‚?W& c)!B  #fl & E!65ff“:' ff EFM/$\ ff%‚%‚flv*Z”(!"!" ffi‰ffi:#8B&'& @…$Zff%  ffi‹ffi(O‚fl/  0 • H&ZS&'& ;_!" )1 %3&  8%/ff w!B J!B  #fl &xfffl ffi ffi [:'&#%: :' w  ff;8FM/ff%‚"‚?ffCff ffi;!B  #fl &8m\ M/:#:#O&#“ff /&'& “(]–X!% )%3&#8 :#:# ff A!"#? #“A/ O}UZff‚flffi (/)%3&  0 —qfl˜O> % :' ‹*wffi j!%/:# PffflN $!"fl:#:#G :v&Cx ™> w ˆ #&#)j:#"F / OYw   #&#4x1 /& %ff‚?w!B $fl:#:v&#  w: Z  O Y:v&#fl:#:# w!65ffi 0~š |…$Zff%:'&# )!%/:# (Cffff}UW&'&C ffir!B  #fl &LffiHF ffi $!" Aff ‹:'  A(v*Z‰1  F ( <( DC(AX/ff‚%8 : :' ff |ffi}\ }€"O A~1 #fl!"!65~  ~(~F/(ff"‚%‚?›T-8%[#flff%#J Dœff?ffCZ&Offi!" &#M/:#:'&# #rc8 /&#%‚flA 1%)!" ‰!" # %3& EO> ":#/)8" /C /ff ™>  ZY& ffi(!" ;&#M/:#:v& #^:#"F (/ ffi(Z* V fl>   q!" w!B  #fl & ff(S1 S!65 ]\ !"# 3/)8%#muMzw ‰ff/ AW&ffi!flP!" !% Z:#ffi ffH*A!65ffˆ P!" # %3&#ˆ /: :#O& ff /&#&A(/ L!" )8 fffl &#Y8 /&#%‚flX(Z* ˆ%: :'%#=/ffi]&#& ZffA:#Zff8% ffi # w…$Zff%  w!B !%Zc& ffi(!fl/)%3&#4 8%w !" )8 ff%3&#rE:'%F (/ ffi 0~š PZ(( &/ ffi‹:#O& Z( ‚flffi ffC^ZžA/ ffi}€Z(ff‚%ffi (/)fl3&# (]> fl3&Z(8 :#: ffi<( ffiO&™*7!" $\ !"#"&ffC1!65ffV1%™* )>/w%  (W&ffzGZ(  ‚flffi%(():'% wff (ZL* A8")B&'& ":# 1!"  )"!"/ ffi‚"‚? #Z  $ /&'&# [!65ffCS/!65ff_:' ffi 48 /&#flff‚fl/ )fl & /C‘8 \ &# "<(<1[ }€Z‚%ffi (  V!" # B&'&M/)%3&# 0 ‡  V ffiZ(!B;Ÿ…$Z(/3&# w 8fl(=%:#1 :'&# (CffO> fl &Mr!65 # r8% !65  ffi; ‚%ffiflff :#1fl(/ ¡& %)8 ŒK:'  :#Kff%  ffi ¢:v&Zffi ¡ff%F /BŽx"&'&   /: :#O& DzŸ&M/ ffi:'& ZDC £¤£

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Stefano Crimi' Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 682 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.