Skip to content

La costruzione sociale di un eroe attraverso la stampa quotidiana. Il caso Fabrizio Quattrocchi

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Conti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Ambrogio Santambrogio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

Ogni giornale, a suo modo, contribuisce a forgiare le opinioni del pubblico a cui si rivolge, ossia rivelando o meno il suo pensiero.
Leggendo quotidiani di schieramenti opposti, è possibile notare narrazioni, spiegazioni, opinioni differenti dei medesimi eventi. Gli accadimenti di fondo sono gli stessi, ma vengono colti e riferiti da diverse angolazioni a seconda dell’importanza che si vuole attribuire ad essi.
L’avvenimento oggetto della tesi è l’assassinio di Fabrizio Quattrocchi e la figura che ne è emersa attraverso la lettura di quattro quotidiani: filo- governativi, “il Giornale” e “Il Foglio, e anti-governativi, “la Repubblica” e “il manifesto”.
In circostanze tuttora da chiarire, tra il 10 e il 14 aprile 2004 quattro italiani vengono rapiti in Iraq: Maurizio Agliana, Umberto Cupertino, Fabrizio Quattrocchi e Salvatore Stefio. In cambio, le Falangi Verdi di Maometto chiedono il ritiro delle truppe italiane a Nassirya e il rilascio di alcuni imam. Il 15 aprile viene ucciso Fabrizio Quattrocchi, come testimonia il video dell’esecuzione spedito alla tv araba Al Jazeera in cui sembrano essere documentate le ultime parole del defunto: “Vi faccio vedere come muore un italiano”. Il condizionale è d'obbligo dato che il video dell'esecuzione non è mai stato divulgato, ma è stato visto solamente dall'ambasciatore De Martino e dai dipendenti della tv araba. Dipendenti che non fanno riferimento alle parole di Quattrocchi quando, intervistati da Ravelli per "La Repubblica", raccontano ciò che hanno visto nel video.
“Il giornale” ha dipinto Fabrizio come un coraggioso, un eroe, un uomo morto con onore che riempie di orgoglio ogni italiano. Ha evidenziato al massimo l’aspetto patriottico della vicenda, riportando i commenti di chiunque lo abbia ritenuto un eroe, dai politici ai parenti e concedendo meno spazio a chi lo ha giudicato diversamente. Il quotidiano ha utilizzato la notizia dell’uccisione per poter sostenere il mantenimento delle truppe italiane in Iraq.
“Il Foglio” ha dedicato poco spazio all’assassinio di Fabrizio Quattrocchi, quasi per non concedergli troppa importanza, affinché la notizia scivolasse via e venisse dimenticata in fretta. Tuttavia, lo ha giudicato come un ragazzo normale “anche nell’eroismo, nella spavalderia, nella disgrazia”. Quattrocchi è stato un “eroe improbabile” secondo il quotidiano di Giuliano Ferrara.
“La Repubblica” ha reputato l’esecuzione di Fabrizio, come l’uccisione di un uomo innocente, un ostaggio, forse un mercenario, durante una guerra che, secondo il quotidiano, non dovrebbe sussistere.
Il giornale di Scalfari fa uso della notizia non con l’obiettivo di costruire un eroe, anzi, di ridimensionare il gesto e valutare negativamente la presenza di “soldati a pagamento” in Iraq.
“Mercenari” è l’appellativo dato agli ostaggi da “il manifesto”. La testata non vede di buon occhio la professione svolta dai quattro in Iraq e, pertanto, non vede in Fabrizio Quattrocchi un eroe per le parole proferite in fin di vita. Nessuna pietà per la sua morte, nessun particolare riguardo verso di lui: d’altronde, alle quotidiane e innumerevoli vittime irachene non viene data tanta importanza.
I quattro quotidiani hanno riportato quattro diverse figure del medesimo uomo, in base alla loro visione politica della guerra in Iraq. I giornali filo-governativi sono stati più propensi a parlare di Quattrocchi come di un “eroe”, al fine di sostenere la giustezza del conflitto in corso; mentre i quotidiani anti-governativi hanno visto nella vicenda l’ingiusta morte di un uomo qualunque, perché contrari alla guerra in Iraq.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Ogni giornale, a suo modo, contribuisce a forgiare le opinioni del pubblico a cui si rivolge, ossia rivelando o meno il suo pensiero. Nel panorama editoriale italiano, sono presenti giornali filo-governativi e anti-governativi. Leggendo quotidiani di schieramenti opposti, è possibile notare narrazioni, spiegazioni, opinioni differenti dei medesimi eventi. Gli accadimenti di fondo sono gli stessi, ma vengono colti e riferiti da diverse angolazioni a seconda dell’importanza che si vuole attribuire ad essi. Avremo così eventi a cui vengono dedicate titolazioni più o meno vistose, pagine intere o solo una colonna, trattati con ironia o durezza, con fugacità o lungaggine, corredati di foto di repertorio o specifiche della situazione, arricchiti con vignette o commenti. L’avvenimento oggetto della tesi è l’assassinio di Fabrizio Quattrocchi. In circostanze tuttora da chiarire, tra il 10 e il 14 aprile 2004 quattro italiani vengono rapiti in Iraq: Maurizio Agliana, Umberto Cupertino, Fabrizio Quattrocchi e Salvatore Stefio. In cambio, le Falangi Verdi di Maometto chiedono il ritiro delle truppe italiane a Nassirya e il rilascio di alcuni imam. Il 15 aprile viene ucciso Fabrizio Quattrocchi, come testimonia il video dell’esecuzione spedito alla tv araba Al Jazeera in cui sono documentate le ultime parole del defunto: “Vi faccio vedere come muore un italiano”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

baghdad
eroe
fabrizio quattrocchi
iraq
italiano
mercenario
opinione pubblica
ostaggi
rapimenti
rapimento
rapiti
stampa quotidiana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi