Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Eugenetica e politica nella prima metà del XX secolo

Un approfondimento didattico sull’eugenetica pensato per degli alunni dell’ultimo anno di liceo.
Perché?
Vedo un motivo essenzialmente pratico: leggendo i manuali scolastici (e ascoltanto le lezioni degli insegnanti…) si può notare come i temi delle politiche sociali, del welfare, e il rapporto scienza-politica siano ancora marginali, non sentiti e soprattutto non problematizzati. Ancora oggi nelle aule (e cercherò di sottolinearlo in questo lavoro) certe affermazioni affrettate, certi “luoghi comuni” su popolazione e politica, certi passaggi scontati su problemi aperti sono ancora frequenti. E questo nonostante la storiografia, su questi temi, abbia prodotto, negli ultimi anni, notevoli novità, specialmente in Italia.
Mi si potrebbe obiettare: “ma quelli dell’eugenica, del welfare, della politica sociale sono temi in fondo «di nicchia», temi da specialisti che hanno poco a che fare con la preparazione di base degli studenti”. Allora risponderei: “davvero lo sono”? i temi della bioetica, della manipolazione genetica, della clonazione umana, dell’integrità della persona, del rapporto scienza-potere, della manipolazione delle masse, della privacy, sono temi astratti, marginali rispetto alla vita quotidiana dei ragazzi a cui andiamo ad insegnare? O non si tratta piuttosto che di temi “caldissimi”, con cui i ragazzi sono costantemente a contatto? Parlare in classe, durante una lezione di storia, di eugenetica, di darwinismo e politiche sociali è un modo, credo, significativo per aiutare i ragazzi a orientarsi nel presente: è un modo per chiarire come la genetica, negli ultimi vent’anni, non abbia “inventato” i problemi che la caratterizzano, ma li abbia solo “riscoperti”, e forse complicati. Un modo per richiamare l’attenzione sulla profondità e la complessità di problemi che i mass-media volentieri banalizzano e livellano sull’enfasi dell’attualità.
Spero di non apparire pedante o inutilmente retorico citando qui Croce: «perché la storia passata rivive e la storia passata si fa presente, via via che lo svolgimento della vita così richiede» . Credo che, se davvero il nostro compito è accompagnare i ragazzi a esplorare il mondo della storia, non sia più molto proficuo far percorrere loro lunghe marce nei territori della storia politica e solo brevi ed occasionali tratti sulle vie della geografia storica o della storia sociale. Si ha la sensazione diffusa che il clima, anche nella scuola, sia davvero cambiato: le istituzioni, la politica e il potere non rappresentano più l’unica linea d’orizzonte. Alla didattica ormai, le famiglie e le istituzioni chiedono di avere uno sguardo molto più dettagliato, di offrire contenuti vicini, vivi, presenti e sinceramente legati alla realtà dei ragazzi che apprendono. Agli insegnanti è richiesta poi grande attenzione alle ricadute educative e formative (prima che culturali) dell’insegnamento. Per questo motivo quella che Braudel chiama la “vita materiale”, sarà destinata – credo – a diventare sempre più protagonista nell’insegnamento della storia. Anzitutto perché – e lo si vede facilmente in classe - interessa e appassiona i ragazzi. In secondo luogo perché aiuta l’insegnante nel suo ruolo di formatore, consentendogli di avvicinare studenti e genitori su problemi condivisi, sentiti, permettendogli di spaziare su documentazioni nuove, ricche e non banali, verso luoghi e testimonianze legati anche al territorio in cui la scuola vive. La storia sociale aiuterà i nuovi insegnanti, in sostanza, a rispondere a domande non banali e non retoriche in modo professionale.
Attraverso l’approfondimento di temi come l’eugenetica, il dialogo dell’insegnate coi ragazzi e le famiglie potrà essere, io credo, davvero autentico. In questi anni, in cui la società occidentale ha sentito forti la pressione dell’edonismo, le lusinghe del benessere economico e delle certezze scientifiche, anche le lusinghe “eugenetiche” (ingegneria genetica, fecondazione artificiale, clonazione umana, aborto preventivo…) sono tornate a diffondersi e i ragazzi in classe ci hanno chiesto spesso di aiutarli a capire meglio, ad orientarsi quando saranno chiamati a decidere. Nel nostro ruolo di insegnanti non possiamo certo indottrinarli o scegliere per loro. Ma possiamo approfondire assieme a loro, dal lato della nostra competenza specifica, questi problemi.

Mostra/Nascondi contenuto.
29 Introduzione Un approfondimento didattico sull’eugenetica pensato per degli alunni dell’ultimo anno di liceo. Perché? Vedo un motivo essenzialmente pratico: leggendo i manuali scolastici (e ascoltanto le lezioni degli insegnanti…) si può notare come i temi delle politiche sociali, del welfare, e il rapporto scienza-politica siano ancora marginali, non sentiti e soprattutto non problematizzati. Ancora oggi nelle aule (e cercherò di sottolinearlo in questo lavoro) certe affermazioni affrettate, certi “luoghi comuni” su popolazione e politica, certi passaggi scontati su problemi aperti sono ancora frequenti. E questo nonostante la storiografia, su questi temi, abbia prodotto, negli ultimi anni, notevoli novità, specialmente in Italia. Mi si potrebbe obiettare: “ma quelli dell’eugenica, del welfare, della politica sociale sono temi in fondo «di nicchia», temi da specialisti che hanno poco a che fare con la preparazione di base degli studenti”. Allora risponderei: “davvero lo sono”? i temi della bioetica, della manipolazione genetica, della clonazione umana, dell’integrità della persona, del rapporto scienza-potere, della manipolazione delle masse, della privacy, sono temi astratti, marginali rispetto alla vita quotidiana dei ragazzi a cui andiamo ad insegnare? O non si tratta piuttosto che di temi “caldissimi”, con cui i ragazzi sono costantemente a contatto? Parlare in classe, durante una lezione di storia, di eugenetica, di darwinismo e politiche sociali è un modo, credo, significativo per aiutare i ragazzi a orientarsi nel presente: è un modo per chiarire come la genetica, negli ultimi vent’anni, non abbia “inventato” i problemi che la caratterizzano, ma li abbia solo “riscoperti”, e forse complicati. Un modo per richiamare l’attenzione sulla profondità e la complessità di problemi che i mass-media volentieri banalizzano e livellano sull’enfasi dell’attualità. Spero di non apparire pedante o inutilmente retorico citando qui Croce: «perché la storia passata rivive e la storia passata si fa presente, via via che lo svolgimento della vita così richiede» 1 . 1 B. Croce, Teoria e storia della storiografia, Milano, 1989, pag. 27

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Massimo Ciceri Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5350 click dal 09/03/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.