Skip to content

Interventi pubblici per la sicurezza alimentare

Informazioni tesi

  Autore: Fiorella Iarussi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Politica
  Relatore: Maria Alessandra Stefanelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 157

Negli ultimi anni i consumatori europei ed italiani, anche a causa di vari scandali legati alla sicurezza dei cibi, (polli alla diossina, caso BSE, residui di pesticidi in frutta e verdura, solo per citare gli ultimi e più noti casi), hanno preso coscienza dell’importanza della sicurezza alimentare e della sua stretta correlazione con la salute. Qualche dato: da un recente sondaggio dell’Unione Europea tra gli oltre 300 milioni di consumatori, gli italiani sono i primi a ritenere che la mancanza di sicurezza alimentare è il fattore che più di ogni altro può avere effetti negativi per la salute dell’uomo. Solo il 60% degli europei crede che la propria alimentazione sia sicura, e, dunque per recuperare lo strappo creato dalle crisi “mucca pazza”, è ancora necessario intervenire nell’ambito della sicurezza.
I consumatori sono sempre più attenti alla selezione delle marche e degli ingredienti, si rifugiano più frequentemente in prodotti tipici, di qualità e biologici, e sono disposti a spendere di più per certificazioni di qualità.
I problemi legati all’igiene, alla sicurezza e alla qualità degli alimenti sono molteplici, e vengono ancor più amplificati se si considera il contesto di globalità dei mercati. Garantire la completa sicurezza alimentare è un’impresa ardua e complessa che presuppone penetranti sistemi di controlli, non solo a “monte” e a “valle” dei processi produttivi, che possono avere varie fasi e vedere coinvolti varie materie prime importate da diversi paesi. E dunque intuitivo che la tutela della salute dei consumatori non può e non deve rimanere confinata nell’ambito delle legislazioni nazionali.
Da questo punto di vista, e anche in virtù della scarsa tutela riservata al consumatore nell’ambito della disciplina nazionale, emergono l’importanza dell’intervento del legislatore comunitario e degli accordi internazionali in settori strettamente legati all’alimentazione come l’agricoltura e la tutela internazionale dei marchi.
L’impegno della comunità nell’ambito della sicurezza alimentare, iniziato negli anni ’60, si manifesta con interventi diversi in “funzione della natura e delle priorità del problema” . Dopo gli interventi sulla PAC, quelli di emergenza per le crisi alimentari,quelli di riforma delle normative sull’igiene delle produzioni alimentari e quelli per la tutela dei marchi,oggi, dopo il Libro bianco sulla sicurezza degli alimenti presentato nel 2000, si sta cercando di dare coerenza e sistematicità ad un settore, che a causa di direttive orizzontali e verticali, di prodotto e di produzioni, lasciava troppo spesso “zone grigie”, che disorientavano gli stessi produttori. Gli obiettivi del Libro Bianco sono molti, tra questi vi è la creazione di un’Autorithy per la sicurezza alimentare.
Va inoltre osservato che il concetto di sicurezza alimentare nel corso degli anni ha assunto un significato sempre più ampio, che va ben al di là dell’igiene, che oggi è solo uno degli elementi legati alla qualità dei cibi. In questo ambito si inserisce la riscoperta e la valorizzazione dei prodotti mediterranei, che tra l’altro già dalla fine degli anni ’70 con la ricerca americana di Ancel Keys veniva indicata come la più idonea per la prevenzione dei tumori, per l’azione di contrasto alle malattie cardiovascolari e per la riduzione del processo di invecchiamento cellulare. Il successo dei prodotti tipici può dunque essere visto come una strategia del consumatore nel frammentato panorama attuale, e la ricerca della tradizione e dell’origine locale come sinonimo di genuinità, di salubrità, di qualità, di sicurezza.
Gli interventi del legislatore, nazionale e comunitario, in materia alimentare, nel corso degli ultimi anni tendono in primis alla salvaguardia di un diritto primario come quello alla salute, e nel contempo alla tutela del consumatore. Non sempre è stato così, e non tutto ancora è stato fatto. Senza alcuna pretesa di esaustività cercherò di evidenziare come la concezione di sicurezza alimentare sia cambiata nel tempo, e con essa le politiche di intervento in ambito agricolo e produttivo, porrò l’accento sull’attuale stato dell’arte, sottolineando al tempo stesso, dove presenti, le lacune del sistema vigente e le prospettive del settore nell’ambito del futuro allargamento dell’unione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
iii INTRODUZIONE Negli ultimi anni i consumatori europei ed italiani, anche a causa di vari scandali legati alla sicurezza dei cibi, (polli alla diossina, caso BSE, residui di pesticidi in frutta e verdura, solo per citare gli ultimi e più noti casi), hanno preso coscienza dell’importanza della sicurezza alimentare e della sua stretta correlazione con la salute. Qualche dato: da un recente sondaggio 1 dell’Unione Europea tra gli oltre 300 milioni di consumatori, gli italiani sono i primi a ritenere che la mancanza di sicurezza alimentare è il fattore che più di ogni altro può avere effetti negativi per la salute dell’uomo. Solo il 60% degli europei crede che la propria alimentazione sia sicura, e, dunque per recuperare lo strappo creato dalle crisi “mucca pazza”, è ancora necessario intervenire nell’ambito della sicurezza. I consumatori sono sempre più attenti alla selezione delle marche e degli ingredienti, si rifugiano più frequentemente in prodotti tipici, di qualità e biologici, e sono disposti a spendere di più per certificazioni di qualità. I problemi legati all’igiene, alla sicurezza e alla qualità degli alimenti sono molteplici, e vengono ancor più amplificati se si considera il contesto di globalità dei mercati. Garantire la completa sicurezza alimentare è un’impresa ardua e complessa che presuppone penetranti sistemi di controlli, non solo a “monte” e a “valle” dei processi produttivi, che possono avere varie fasi e vedere coinvolti varie materie prime importate da diversi paesi. E dunque intuitivo che la tutela della salute dei consumatori non può e non deve rimanere confinata nell’ambito delle legislazioni nazionali. Da questo punto di vista, e anche in virtù della scarsa tutela riservata al consumatore nell’ambito della disciplina nazionale, emergono l’importanza dell’intervento del legislatore comunitario e degli accordi internazionali in settori strettamente legati all’alimentazione come l’agricoltura e la tutela internazionale dei marchi. 1 Summit alimentare della Ciaa,confederazione delle industri agro-alimentari europee.Agrisole 10-16 maggio2002.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autorità europea per la sicurezza alimentare
certificazioni di qualità
libro bianco sulla sicurezza alimentare
libro verde per la sicurezza alimentare
qualità
sicurezza alimentare
tracciabilità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi