Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il bilancio sociale. Processi di integrazione lavorativa e costruzione della cultura organizzativa

La responsabilità sociale dell'impresa non è una strategia estemporanea che alcune imprese adottano, ma è il risultato di una preciso processo storico, sociologico ed economico che ha coinvolto le organizzazioni dal 1800 ai giorni nostri e. Descrivendo questa evoluzione e l'influsso che ha avuto sulle persone, in particolare sui collaboratori interni, e sulla società la tesi presenta la necessità per le imprese di adottare comportamenti socialmente responsabili. Perchè questi siano reali e non semplicemente uno strumento di business nelle imprese si deve creare una vera e propria cultura in particolare grazie all'adozione di uno strumento ricco quale il bilancio sociale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE A fronte di una generale difficoltà di ritrovare un senso profondo nel proprio lavoro, a causa della flessibilità, ci si chiede se sia possibile e in che modo ricostruire i valori dell’impresa. Su che basi può crescere un’identità sociale e professionale all’interno delle organizzazioni, di fronte al rapido cambiamento degli scenari organizzativi, sempre più smembrati e deverticalizzati in quanto soggetti a strategie di downsizing e outsourcing? Il processo di globalizzazione dell’economia ha portato alla nascita di grandi reti di imprese su scala mondiale. Intorno all’impresa-madre ruota una serie di imprese di piccole dimensioni che sopravvivono solo grazie a lei. Come gestire il rapporto con i fornitori, in modo che sia occasione di sviluppo imprenditoriale, soprattutto nei paesi poveri? Le imprese, soprattutto quelle occidentali, attribuiscono sempre maggiore importanza alle politiche di marketing, investendo molto in pubblicità e politiche di gestione del marchio piuttosto che nella produzione, poiché questa è affidata ai fornitori, dislocati in tutto il mondo, che offrono costi minori. Questo comporta il rischio di non prestare sufficiente attenzione alle condizioni di lavoro di chi produce i prodotti veri e propri. Si tratta di forze che, a partire agli anni sessanta e settanta del secolo appena concluso, spingono l’impresa a farsi carico di problemi e attese nuove, di problemi di integrazione interna e adattamento esterno, che la pongono di fronte alla necessità di ripensare il proprio rapporto con la società. In sintesi, si chiede

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Federica Casazza Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2791 click dal 14/03/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.