Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il dumping e l'antidumping nell'Organizzazione Mondiale del Commercio

Il termine dumping indica la vendita ovvero l’esportazione di beni ad un prezzo inferiore rispetto a quanto praticato nel mercato interno. Tale fenomeno viene solitamente paragonato alle comuni pratiche di concorrenza sleale, specie perché connesso al rischio di istituzione di un monopolio ed alla possibilità di danneggiare le imprese estere attraverso una politica di “prezzo predatorio”.
La particolarità del dumping non è solamente relativa alle varie forme con cui questo può presentarsi ed al suo differente grado di pericolosità, quanto piuttosto alla mancanza di consenso sulla sua dannosità. Da una parte infatti il riferirsi principalmente al comportamento di imprese ne rende difficile comprenderne la portata, dall’altra la stessa sua regolamentazione internazionale non può che operare indirettamente con la semplice applicazione di un dazio. Quest’ultimo aspetto conduce la questione su un piano di efficienza allocativa del sistema economico e di cooperazione economica e giuridica volta al raggiungimento di uno sviluppo economico sostenibile e vantaggioso.
Nonostante queste premesse lo studio degli aspetti basilari del dumping e dei suoi effetti nel sistema economico ha origine agli inizi del XX secolo.
L’elemento principale è da ricondursi nell’assenza delle condizioni che portano all’unificazione del prezzo in un dato mercato (legge del prezzo unico) ed alla possibilità di discriminazione nell’ottica di un maggiore profitto.
L’interessante aspetto legato a questo ed al concetto di discriminazione di prezzo consiste nella non necessità per l’impresa di operare al di sotto dei costi o in condizioni di forte potere monopolistico.
Il percorso da noi intrapreso non può non passare poi attraverso la valutazione degli effetti sull’imposizione di un dazio, attraverso un’analisi condotta con principi economici derivanti dall’approccio neo-classico.
L’identificazione del volume di diminuzione del commercio internazionale con l’imposizione di un dazio ci ha obbligato poi ad individuare nei presupposti e negli assunti principali relativi ai vantaggi del commercio internazionale una importante pietra miliare.
Abbiamo ritenuto utile quindi porre ad evidenza gli elementi classici della divisione internazionale del lavoro (teorema dei Costi Comparati) dimostrando il vantaggio per un Paese in termini di apertura commerciale.
L’indirizzo principale si è rivolto alle giustificazioni politiche ed economiche in ragione di una disciplina antidumping e di un’imposizione tariffaria come strumento migliore per farvi fronte.
Lo studio di questi aspetti ha permesso comunque di porre l’accento su due importanti fattori che vedono da una parte nell’andamento ciclico nella produzione di un determinato bene un elemento da tenere ben distinto, e dall’altro nella necessità di rafforzare eventuali strumenti giuridici alternativi come l’Accordo sulle Salvaguardie.
Il prosieguo della nostra analisi non ha potuto non tener conto ovviamente della codificazione della disciplina internazionale antidumping; attraverso il suo studio quindi abbiamo ritenuto debba passare la valutazione e la critica dell’attuale approccio da parte dei vari Paesi alla discriminazione internazionale di prezzo.
La risposta da parte di questa si incentra invece sulla semplice differenziazione tra due prezzi (normal value, export price), nell’individuazione di un danno all’industria coinvolta e nella presunzione (legame causale) che tale pregiudizio sia dovuto all’esportazione a prezzi minori.
Nessun giudizio viene invece fornito sulla scorrettezza della pratica, così come sulla sua effettiva pericolosità in relazione allo stato della concorrenza nei due Paesi. Il Codice permette soltanto, attraverso la conduzione di una specifica indagine, di procedere all’introduzione di un dazio.
L’analisi condotta sulla normativa, oltre a spiegare e chiarire i 18 articoli ha il compito anche di descriverne l’applicazione sulla base degli esempi di volta in volta riportati.
L’indagine si conclude quindi con l’applicazione degli elementi economici individuati alla profonda ed importante trattazione della disciplina antidumping del GATT/WTO.
Ne segue un’interessante valutazione su quattro filoni principali di pensiero nei quali l’approccio delle varie teorie economiche si concilia a differenti livelli con quella che è la codificazione giuridica e l’attuazione pratica della normativa, ed una soluzione per certi versi sorprendente ma allo stesso tempo dal necessario carattere di compromesso.

www.antidumping.it

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “Con questo termine di origine americana si può intendere il prezzo o il sistema di prezzi adottato per conquistare o dominare un mercato estero eliminando imprese o gruppi di imprese concorrenti. Tale prezzo, generalmente molto più basso di quello praticato negli scambi all’interno, può essere talvolta anche inferiore al costo di produzione (infatti l’espressione ‘dumping price’ significa prezzo più basso del costo), ma non è detto che lo sia sempre o rimanga costantemente tale; un siffatto sistema non può essere che temporaneo. L’imprenditore può rivalersi o compensarsi mediante il prezzo usato all’interno o i prezzi che un secondo periodo egli potrà adottare all’estero dopo aver conseguito l’assoluta padronanza del mercato.” Con queste parole viene definito il dumping da parte di Oddone Fantini 1 anche se, nella realtà 2 e forse in parte erroneamente, il termine ha assunto un significato più ampio, tanto da essere assimilato e confuso spesso con altre forme giuridiche di concorrenza sleale. Una prima precisazione riguarda la più ampia e variegata serie di situazioni in cui tale fenomeno può essere racchiuso. Indipendentemente dal concetto principale infatti, solitamente riferito ai beni industriali, si parla anche di “service dumping”, con riguardo alla vendita di servizi a prezzi inferiori a quelli praticati dal mercato interno; di “freight dumping”, concernente i prezzi dei 1 Oddone Fantini Dumping Estratto dal Novissimo Digesto Italiano, Torino: UTET. 2 Il termine inglese “to dump” ad esempio ha il comune significato di scaricare, sbarazzarsi di qualcosa ovvero eliminare un superfluo; non a caso viene utilizzato anche come sinonimo del 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Braccini Contatta »

Composta da 391 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7833 click dal 20/09/2005.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.