Skip to content

Contributo all'epigrafia di Roma. Le iscrizioni della basilica di San Giovanni in Laterano. Revisione del volume VIII del corpus di Vincenzo Forcella.

Informazioni tesi

  Autore: Maria Lentini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali
  Corso: Conservazione dei Beni Culturali
  Relatore: Ivan Di stefano-Manzella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 319

Il materiale: nel presente lavoro sono state studiate e analizzate 565 epigrafi presenti nel complesso Lateranense, in particolare nella Basilica di San Giovanni in Laterano, nel palazzo apostolico, nel battistero e nella raccolta del chiostro, quest’ultima curata dallo studioso Enrico Josi.
Il periodo: le epigrafi abbracciano un periodo compreso tra il 1003 (F., n.1) e il 2000 (NT, n. 254), con alcune eccezioni per periodi precedenti aggiunte per completezza di documentazione (NT, nn. 1-18).
Il fine: il presente lavoro, partendo dalla revisione del volume VIII
dell’opera di Vincenzo Forcella Iscrizioni delle chiese e d’altri edifici di Roma dal sec. XI fino ai nostri giorni… (Roma 1869-1884), si propone di: portare un modesto contributo all’epigrafia post- antica, ambito poco studiato e spesso trascurato a vantaggio dell’epigrafia “classica”, rilevare le variazioni strutturali degli edifici e ricostruirne la storia attraverso i testi che lo raccontano; tratteggiare le figure più significative per la storia della Chiesa e dello Stato e i profili delle famiglie più insigni che hanno contribuito al decoro e al sostentamento della mater et caput ecclesiarum; evidenziare le varianti paleografiche; analizzare il formulario testuale specifico delle varie epoche, per ricostruirne l’itinerario linguistico.
Com’è organizzato il presente lavoro: la tesi si sviluppa partendo da una breve recensione all’opera e al personaggio del Forcella, continuando con una breve storia delle strutture della Basilica e degli edifici ad essa annessi, per tracciare una topografia epigrafica del complesso e per avere un quadro più chiaro degli eventuali spostamenti delle epigrafi; si passa poi alla trattazione delle iscrizioni, evidenziando la loro distribuzione nel tempo, il rapporto tra testo scritto e monumento di pertinenza, le tecniche di scrittura e la paleografia, gli aspetti linguistici, il formulario e gli schemi testuali per un continuo confronto tra antico e nuovo, sottolineandone continuità, riprese e innovazioni.
Il capitolo V contiene le trascrizioni dei testi (prima le iscrizioni riportate da Forcella poi i nuovi testi) organizzati in ordine cronologico; i nuovi testi, per distinguersi, presentano la data in grassetto, preceduta da asterisco.
Il capitolo VI, traccia i ritratti dei personaggi più importanti che in qualche modo hanno avuto a che fare con la Basilica o hanno contribuito materialmente, con donazioni e rendite, o spiritualmente, come membri del clero, a farne la mater et caput ecclesiarum.
L’organizzazione segue un ordine gerarchico (papi, monarchi, clero, famiglie nobili attestate in basilica, artisti) e cronologico.
In appendice sono trattati i testi multilingui che vedono la compresenza di più lingue (es. latino e francese) e i testi che sono in lingua diversa dal latino.
Chiude il lavoro un glossario che racconta, in maniera sintetica e in ordine alfabetico, la nascita, lo sviluppo e la morte di cariche ecclesiastiche che oltre ad avere una valenza religiosa sono state strettamente legate al potere politico. e che rimanda per alcune voci, al lavoro parallelo, svolto da Samantha Sorrentino per quanto riguarda la Basilica di Santa Maria Maggiore.
Criteri di trascrizione: per le trascrizioni sono stati adottati i segni diacritici ed i caratteri da codifica usati da Epiglossa, programma di indicizzazione epigrafica Key Word in Context (“KWIC”), riportati da I. DI STEFANO in “Software per le antichità romane: Epiglossa, programma di indicizzazione epigrafica
Seguono gli indici per forma di tutte le parole ricavati dal programma Epiglossa (uno generale che contiene tutte le forme e indici particolari per i numerali o le parole acefale ).
L’index vocabulorum è corredato, inoltre, da una label o “etichetta”, che permette di avere in uno spazio tipografico ristretto (25 caratteri ca.) molte informazioni per ogni iscrizione, informazioni che sono di tipo bibliografico, topografico, paleografico e che riguardano supporto e materiale.
Gli esiti: l’analisi così condotta ha evidenziato come, dai tempi della pubblicazione dell’opera forcelliana (l’ultima iscrizione porta la data 1875 ), molte epigrafi siano andate perdute, altre abbiano cambiato collocazione, altre ancora siano state riutilizzate; in qualche caso alcune epigrafi, che il Forcella aveva riportato dalle sue fonti e di cui non aveva potuto effettuare un esame autoptico, sono tuttora presenti in basilica, chiaro esempio di come al tempo di Forcella dovevano trovarsi in un luogo non visibile , o altrove.
L’autopsia ha evidenziato, inoltre, come un numero maggiore o minore di iscrizioni commemorative indichi una maggiore o minore volontà di auto-rappresentazione da parte dei personaggi illustri e soprattutto dei pontefici che hanno finanziato e diretto opere di rifacimento o di abbellimento del complesso lateranense.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 I. INTRODUZIONE Il fine: il presente lavoro si propone di portare un contributo all’epigrafia di Roma, attraverso l’analisi e lo studio di 565 iscrizioni (300 edite in Forcella + 265 aggiunte come nuovi testi)presenti nel complesso lateranense, in particolare nella basilica, nel palazzo apostolico, nel battistero e nella raccolta del chiostro, quest’ultima curata dallo studioso Enrico Josi. Intende continuare l’opera intrapresa da Vincenzo Forcella (1837-1906), integrandola con le epigrafi trascurate dallo stesso e con quelle di epoca successiva alla pubblicazione de le Iscrizioni delle chiese e d’altri edifici di Roma dal sec. XI fino ai nostri giorni… (Roma 1869-1884), che tratta del complesso lateranense nel volume VIII. Vuole essere, inoltre un tentativo di: valorizzare l’epigrafia post-antica, spesso trascurata a vantaggio di quella classica ma prezioso strumento di indagine storica e antiquaria; ricordare gli interventi nelle strutture e nell’arredo; tratteggiare le figure più significative per la storia della Chiesa e dello Stato e i profili delle famiglie più insigni che hanno contribuito al decoro e al sostentamento della mater et caput ecclesiarum; evidenziare le varianti paleografiche nell’arco di tempo compreso tra il 1003 (Fo.vol. VIII, n. 1) e il 2000 (NT. n. 254) con alcune eccezioni per periodi antecedenti aggiunte per completezza di documentazione (NT, nn. 1-18); analizzare il formulario testuale specifico delle varie epoche, per ricostruirne l’itinerario linguistico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

epigrafia latina
epigrafia post-antica
san giovanni in laterano
storia di roma
vincenzo forcella

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi