Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Indagini empiriche e teoriche sulle prestazioni di reti peer-to-peer basate su grid-file distribuito

La tesi affronta interessanti aspetti nell'analisi delle prestazioni delle recenti tecnologie peer-to-peer (P2P). Si tratta di uno studio che analizza i meccanismi di funzionamento delle reti P2P, nella loro natura prettamente matematico-probabilistica, finalizzato a comprenderne le potenzialità di espansione.

Il modello teorico costringe ad affrontare alcuni quesiti di matematica combinatoria (a partire dalla formula per calcolare la "probabilità di split") per i quali sono state trovate decisive soluzioni analitiche (verificandone empiricamente la validità)

Il lavoro di ricerca teorica è integrato con specifiche simulazioni numeriche di supporto, che hanno contribuito a svelare alcune importanti particolarità nelle dinamiche del P2P.

>> NOTA: Vedi anche i documenti allegati (sono presenti animazioni che illustrano alcuni dei concetti chiave della tesi!!!) <<

Mostra/Nascondi contenuto.
Indagini empiriche e teoriche sulle prestazioni di reti peer-to-peer basate su grid file distribuito Introduzione 2 INTRODUZIONE Le reti peer-to-peer (P2P) hanno costituito per anni un campo di ricerca poco valutato nel panorama delle architetture di calcolatori. Le prime reti con tale approccio furono studiate già negli anni ‘60 per alcune loro proprietà giudicate già al tempo interessanti, quali la capacità di funzionare in maniera totalmente decentrata, la potenza di calcolo associata ad un’architettura di questo tipo ed altre caratteristiche. Dapprima l’argomento fu puramente faccenda degli ambienti scientifici ed accademici, solo successivamente anche molteplici “big” dello scenario informatico mondiale si resero conto del potenziale di cui si stava parlando (fin cui Ibm e Sun). Sono gli ultimi anni in cui si è avuta occasione di rivedere un forte sviluppo del P2P legato intrinsecamente ad una specifica loro applicazione (non l’unica possibile), appunto il “file sharing”. Con queste due parole si intende in generale la possibilità da parte di più macchine di accedere ad un insieme di file o documenti comuni. I dati sono localizzati fisicamente su una o più macchine in esame ed esse costituiscono quindi una “rete di file sharing”. La consultazione, il trasferimento, l’aggiunta o la cancellazione di un qualsiasi documento dalla rete avviene tramite un protocollo specifico che contraddistingue il funzionamento e l’architettura della rete stessa. Ecco quindi la decisione di studiare matematicamente le prestazioni di una rete peer-to-peer basata sul GRID FILE, indicata in più pubblicazioni come uno dei più interessanti algoritmi in grado di supportare, anche su file di elevate dimensioni un accesso ai dati simmetrico e multi-attributo. In primo luogo ci soffermiamo proprio su questo argomento: il GRID FILE. Esso può essere considerato il padre dell’ideologia che fa da perno alla nostra struttura. La seconda parte riguarda la valutazione, in termini matematici, di una grandezza importante per uno studio teorico del modello che adottiamo: la probabilità di split. Mostriamo come siamo giunti ad una sua determinazione e le strategie per un’implementazione con un linguaggio di programmazione.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Emiliano Ciotti Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 867 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.