Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il knowledge management nella distribuzione moderna: strumenti e soluzioni di business intelligence

La struttura della tesi è articolata in quattro capitoli. Nel primo capitolo si affronta l’importante distinzione tra dati, informazioni e conoscenza.
Successivamente si analizza il valore dell’informazione e della conoscenza nelle organizzazioni al fine di tracciare l’importante processo di trasformazione dei dati in informazioni allo scopo di creare conoscenza organizzativa.
Nel secondo capitolo, viene approfondito il knowledge management (KM), inteso come sistema composto da elementi strutturali, relazioni e interrelazioni che caratterizzano e condizionano un’efficace gestione della conoscenza d’impresa.
Il terzo capitolo si sofferma sulla struttura di business intelligence che rappresenta uno strumento per supportare i processi decisionali e per gestire la risorsa critica della conoscenza. Il framework di business intelligence scelto consente di analizzare i diversi tools che compongono, generalmente, una struttura di business intelligence. Infine, nel quarto capitolo viene effettuata un’analisi della business intelligence intesa come supporto decisionale per le scelte gestionali delle imprese commerciali in relazione all’analisi della domanda, dell’offerta e della concorrenza. In questa sede vengono trattati applicativi gestionali che si legano fortemente alla business intelligence e al knowledge management e che scaturiscono dalle esigenze delle imprese commerciali moderne.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Si assiste, recentemente, ad una alterazione della struttura macroeconomica dei Paesi che incide sui contesti competitivi delle imprese. Questi cambiamenti macroeconomici sono dovuti principalmente all’aumento del tasso di sviluppo della globalizzazione, all’abbassamento delle barriere commerciali e di comunicazione, alla presenza di forme di global sourcing nei servizi e nelle attività infrastrutturali; alla creazione di network tra imprese, di cluster territoriali e comunità di conoscenza ad essi collegate; ai processi di delocalizzazione produttiva; all’apertura dell’economia della Cina, dell’India e dell’Europa orientale al mercato capitalistico. Il settore economico della distribuzione commerciale moderna si caratterizza, anch’esso, per numerosi fattori di cambiamento, si evidenziano, in particolare, quelli riguardanti l’ambiente nel quale l’impresa opera. Tale ambiente è caratterizzato, a livello internazionale, da una progressiva apertura dei mercati; contesti in precedenza suddivisi in blocchi distinti si trasformano in sistemi competitivi le cui caratteristiche assumono la forma tipica dell’economia di mercato. Globalizzazione dei consumi, internazionalizzazione dei mercati, deregulation, knowledge economy, nuovi modelli di business (network enterprises, virtual enterprises, e-business) rappresentano i principali fattori caratterizzanti lo scenario, estremamente dinamico e cangiante, all’interno del quale le imprese commerciali si trovano ad operare. L’avvento della tecnologia digitale e la diffusione di Internet hanno determinato un progressivo mutamento nei paradigmi di creazione del valore e nei modelli organizzativi: nasce così la “new economy”, che si distingue dalla “old economy” per il primato dei beni intangibili sui beni materiali e per un tasso di crescita esponenziale favorito dal ricorso alla tecnologia.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gesualdo Gulino Contatta »

Composta da 339 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5049 click dal 11/04/2005.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.