Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Educazione e ospedalizzazione del minore

Sempre di più ci si rende conto di quanta sofferenza nell'ambiente ospedaliero possono provare i bambini. Chi li aiuta ad attraversare la malattia garantendo maggiore tutela della continuità del processo evolutivo? Un efficace sostegno può essere fornito da una buona relazione educativa con i vari sistemi di riferimento: famiglia, scuola, gruppo dei pari. Che cosè allora l'educazione e perchè è così importante nel lavoro col bambino ospedalizzato?

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione La malattia è spesso una frattura della vita e l’ospedalizzazione diventa un luogo del distacco fisico e simbolico. Negli ultimi anni, l’interesse nei confronti del bambino ospedalizzato ed anche della sua famiglia, è notevolmente cresciuto. Si può sottolineare oggi una certa attenzione verso il piccolo paziente e i familiari che vivono con lui l’esperienza del ricovero, attenzione che ha portato a prendere in considerazione il contesto “tutto”, le modalità di rapporto con il bimbo e i genitori, le reazioni di questi ultimi. Ho cercato di affrontare il tema dell’ospedalizzazione e in particolare a come è rappresentato il contesto educativo dai vari “nodi” della Rete che “avvolgono” il piccolo malato. Sempre di più ci si rende conto di quanta sofferenza spesso poco visibile e pensata nello stesso ambiente ospedaliero possono provare i bambini, soprattutto i lungodegenti, costretti dalla loro malattia a dover subire passivamente pratiche diagnostiche e terapeutiche e a dover rimanere a letto senza la possibilità di muoversi, socializzare, sperimentare, esplorare, con il rischio di interrompere o ostacolare il corretto sviluppo di abilità motorie, psichiche e relazionali, necessarie per la crescita. Chi aiuta i bambini ad “attraversare” tutto questo? Chi accompagna i bambini lungo il percorso della loro malattia garantendo maggiore tutela della continuità del processo evolutivo? Il bambino, come il genitore, ha bisogno di essere accompagnato nell’affrontare gli inevitabili sentimenti di disperazione, confusione, impotenza che scaturiscono nel ricevere una tale notizia: questo sostegno può essere fornito da una serie di figure professionali che riescono ad

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Rosanna Castrogiovanni Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9397 click dal 19/04/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.