Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le malattie professionali: definizione e nuovi criteri di valutazione

Nella letteratura del lavoro, scarso rilievo ha avuto lo studio della relazione tra lo stato di salute degli uomini e le loro condizioni professionali.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il diritto, in generale, è costituito dal complesso delle norme che lo Stato adotta per assicurare l’ordinata convivenza umana, l’esercizio delle libertà e delle attività sia individuali che sociali, l’assunzione di ogni iniziativa diretta a realizzare lo sviluppo morale e materiale dell’uomo al cui servizio è indirizzata l’attività dello Stato. La Repubblica Italiana, così come di norma è avvenuto e avviene negli altri Stati, si è data una Costituzione nella quale ha fissato i principi fondamentali della propria condotta, ha individuato i diritti ed i doveri dei cittadini nei loro riflessi etico-sociali, economici e politici, ha indicato la struttura della propria organizzazione. E, proprio partendo dalla lettura della Carta Costituzionale, è possibile rendersi conto del rilievo attribuito dal Legislatore Costituente al diritto del lavoro e all’importanza di assicurare un’adeguata tutela ai lavoratori. Un’affermazione di carattere generale e di significativa importanza in tal senso si riscontra già nel primo articolo della Costituzione là dove si proclama che “L’Italia è una Repubblica democratica Fondata sul Lavoro”. Affermazione, questa, di portata squisitamente politica e programmatica la quale è ulteriormente ribadita e sviluppata dall’art. 35 cost..Tale ultima disposizione fa assumere allo Stato l’obbligo di tutelare il lavoro “in tutte le sue forme ed applicazioni”. Lo stesso principio, poi, è alla base della particolare attenzione riservata “alla formazione ed alla elevazione professionale dei lavoratori”, agli accordi ed organizzazioni internazionali intesi ad affermare e regolare i diritti al lavoro e alla emigrazione, di cui si riconosce “la libertà” con l’assunzione da parte dei singoli stati degli obblighi riconosciuti di interesse generale per una opportuna tutela del lavoro italiano all’estero. Non si può omettere di ricordare, comunque, in questa breve e sommaria introduzione, gli articoli 32 e 38 della Costituzione con cui si ribadisce ancora l’impegno dello Stato di assicurare, rispettivamente, la “tutela della salute come fondamentale diritto dell’individuo ed interesse della

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Claudia Canova Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7950 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.