Skip to content

Il trasporto di traffico connectionless su reti ATM: dalle misure sperimentali alla valutazione realistica delle prestazioni

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Vetere
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria delle Telecomunicazioni
  Relatore: Franco Russo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

Sebbene l’emergere di applicazioni multimediali sia uno dei punti di forza nelle reti a larga banda (B-ISDN), il successo di queste dipende in larga misura da quanto efficientemente riescano a supportare i protocolli di trasmissione esistenti.
Un crescente numero di utenti richiede LAN accessi con grande banda e bassi ritardi su lunghe distanze. Per soddisfare queste esigenze, molte tecnologie di rete ad alta velocità sono state sviluppate, offrendo rate di trasmissione di centinaia di Mbs. Esempi tipici sono FDDI, Frame Relay, Fast Ethernet e ATM tutte progettate per soddisfare le richieste di connettività delle LAN, oltre che potenti workstations per consentire l’elaborazione di applicazioni multimediali.
La tecnologia che però è uscita vincente è stata ATM, per la sua alta flessibilità e capacità di supportare traffico multimediale. Sebbene ATM, inizialmente, sia nata per funzionare su reti ad estensione geografica, è cresciuto il suo interesse per l’interconnessione con le reti locali visto anche il crescente numero di utenti che accede alla Internet.
Una delle principali sfide in ATM è il trasporto di traffico connectionless (come il traffico Internet): un compito non certo semplice vista la natura connection oriented di questa tecnologia, oltre al fatto che la lunghezza delle trame nei servizi senza connessione sono variabili e, a volte, consistenti , mentre ATM utilizza celle corte e di lunghezza fissa.
Per vincere questa sfida, oltre ad una adeguata progettazione dei sistemi, occorre anche conoscere profondamente il traffico, sul quale questi sistemi andranno a lavorare: nel mondo vi è un costante interesse verso il traffico offerto da più LAN interconnesse, perchè questo presenta caratteristiche di autosimilitudine che ha notevoli implicazioni sulle prestazioni dei servers di rete ed è totalmente differente dai modelli classici di traffico (come quello Poissoniano) che si sono utilizzati fino ad ora. Per questo ho intrapreso una campagna di misure di traffico LAN che mi consentisse una valutazione realistica delle prestazioni attraverso le simulazioni e di avere a disposizione una quantità di dati sufficientemente ampia, per la modellizzazione del traffico stesso.
Nel lavoro di tesi si è data una panoramica sui Processi Autosimili; quindi sono state discusse le caratteristiche statistiche delle misure di traffico da noi effettuate (utilizzando un analizzatore di protocollo Hewlett Packard Internet Advisor) nella LAN del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università degli Studi di Pisa; infine si è effettuato uno studio simulativo di servers ATM su LAN interconnesse (utilizzando il software per telecomunicazioni BONeS), impiegando sorgenti di traffico reale a disposizione dalle misure menzionate in precedenza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Sebbene l emergere di applicazioni multimediali sia uno dei punti di forza nelle reti a larga banda (B-ISDN), il successo di queste dipende in larga misura da quanto efficientemente riescano a supportare i protocolli di trasmissione esistenti. Un crescente numero di utenti richiede accessi di LAN con grande banda e bassi ritardi su lunghe distanze. Per soddisfare queste esigenze, molte tecnologie di rete ad alta velocit sono state sviluppate, offrendo rate di trasmissione di centinaia di Mbs. Esempi tipici sono FDDI, Frame Relay, Fast Ethernet e ATM tutte progettate per soddisfare le richieste di connettivit delle LAN, oltre che potenti workstations per consentire l elaborazione di applicazioni multimediali. La tecnologia che per Ł uscita vincente Ł stata ATM, per la sua alta flessibilit e capacit di supportare traffico multimediale. Sebbene ATM inizialmente sia nata per funzionare su reti ad estensione geografica, Ł cresciuto il suo interessamento per l interconnessione con le reti locali. ATM Ł nettamente superiore rispetto ad altre tecnologie di rete, poichØ offre larga banda ed una notevole scalabilit , nel senso che la largh ezza di banda di un sistema basato su ATM non Ł limitata dalla tecnologia stessa. Inoltre pu offrire facilmente integrazione con reti geografiche, sia pubbliche che private. Una delle principali sfide in ATM Ł il trasporto di traffico connectionless: un compito non certo semplice vista la natura connection oriented di questa tecnologia oltre al fatto che la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

atm
lan
misurazione traffico
tcp-ip
telecomunicazioni
traffico autosimile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi