Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il principio di sussidiarietà nel diritto comunitario

Lasciato nell'oblio per moltissimi anni, il principio di sussidiarietà entra prepondentemente nella scena del diritto europeo con il Trattato di Maastricht in cui, all'art.3 B TCE viene sancito tra i principi cardine dell'Unione Europea.
Per quanto riguarda il suo significato etimologico, la sussidiarietà esprime la nozione di funzione subalterna, sussidiaria appunto, che interviene soltanto quando la funzione principale non raggiunge il risultato assegnatole.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Lasciato nell’oblio per moltissimi anni, il principio di sussidiarietà entra prepotentemente nella scena del diritto europeo con il Trattato di Maastricht in cui, all’art 3 B, (divenuto art. 5 TCE), viene sancito tra i principi cardine dell’Unione Europea. Per quanto riguarda il suo significato etimologico, la sussidiarietà esprime la nozione di una funzione subalterna, sussidiaria appunto, che interviene soltanto quando la funzione principale non raggiunge il risultato assegnatole. Tuttavia, data l’ambiguità del principio in questione, non sembra possibile indicarne una definizione omnicomprensiva 1 ma è possibile indicarne gli elementi minimi fondanti. Il principio presuppone la presenza di più livelli decisionali, aventi competenze diverse, la cui assegnazione avviene sulla base di caratteristiche di ciascun livello: il livello superiore deve intervenire solo in caso di incapacità del livello inferiore nell’affrontare una determinata questione, nonché nei limiti di tale incapacità. Con un’interpretazione più recente, in seguito all’Unione degli Stati europei, il principio di sussidiarietà si configura quale dovere della Comunità impegnata nell’esecuzione di quei compiti che, per le loro dimensioni, per l’importanza degli effetti, o per l’efficacia a livello di 1 Così S. Cassese “L’aquila e le mosche. Principio di sussidiarietà e diritti amministrativi nell’area europea”, in Foro it. 1995, V, p. 373, il quale lo definisce principio ambiguo con almeno trenta diversi significati, programma, formula magica, alibi, mito e epitome della confusione.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Stefania Seccia Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5260 click dal 28/11/2005.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.