Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I contratti d'appalto di opere pubbliche: profili problematici attinenti alle ipotesi di invalidità e nuove prospettive nel risarcimento del danno alle imprese.

La tesi si occupa della sorte dei contratti di appalto di opere pubbliche, una volta intervenuto l'annullamento dell'aggiudicazione, e sostiene l'opinione secondo cui tali contratti diverrebbero inefficaci, con tutte le conseguenze in ordine al risarcimento del danno per lesione di interessi legittimi delle imprese coinvolte nelle procedure di gara.

Mostra/Nascondi contenuto.
I Prefazione Questo lavoro si propone di affrontare uno dei maggiori nodi problematici dell’istituto del contratto d’appalto di opere pubbliche. La problematica in questione attiene alle conseguenze che l’annullamento di uno degli atti della cosiddetta fase “di evidenza pubblica” produce sul contratto d’appalto eventualmente già stipulato. Dottrina e giurisprudenza hanno sostenuto, in merito, diverse teorie: dall’annullabilità, alla nullità o alla mera inefficacia del contratto. Il problema e’ tutt’ora aperto, essendosi la giurisprudenza della Corte di Cassazione tradizionalmente assestata su posizioni tendenti a privilegiare la tesi dell’annullabilità, dichiarabile ad iniziativa della sola pubblica amministrazione, mentre il Consiglio di Stato ha prevalentemente condiviso l’opposta soluzione della radicale nullità del contratto, seppure con argomentazioni non sempre coincidenti. La presente trattazione esporrà pertanto, in una prima parte, le diverse posizioni giurisprudenziali e dottrinali sostenute in merito, prendendo spunto da alcune significative e recenti sentenze; e senza rinunciare, tuttavia, a proporre una ricostruzione dell’istituto che appaia il più possibile coerente con la sistematica dell’ordinamento, nonché funzionale alla tutela degli interessi sostanziali in gioco nei casi concreti. Una seconda parte della trattazione sarà dedicata all’ulteriore questione del risarcimento del danno arrecato alle imprese da atti o comportamenti illegittimi tenuti dalla pubblica amministrazione in veste di stazione appaltante.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesca Familiari Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3925 click dal 05/05/2005.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.