Skip to content

Comunicare la sicurezza a Perugia

Informazioni tesi

  Autore: Christian Paulonia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università per stranieri di Perugia
  Facoltà: Lingua e Cultura Italiana
  Corso: Comunicazione Internazionale
  Relatore: Stefania Giannini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 198

Questo lavoro presenta i risultati di un progetto di ricerca sperimentale durato più di un anno, volto ad analizzare la comunicazione sulla sicurezza a Perugia. Gli obiettivi sono quelli di determinare: a) come viene comunicata la sicurezza a Perugia; b) quanto tale comunicazione influisce sulla percezione di essa da parte dei cittadini e c) come questa comunicazione potrebbe essere eventualmente migliorata. Per rispondere a questi interrogativi si è deciso di condurre il lavoro in modo triangolare, analizzando i punti di vista sulla sicurezza dei mass-media, dei cittadini e delle istituzioni direttamente coinvolte nella sua gestione. È stata inoltre aggiunta una breve premessa iniziale intesa a chiarire i non facili concetti di sicurezza, devianza e criminalità. Dal confronto delle tre analisi è emerso un quadro informativo molto rilevante, i cui dati, contrariamente a quanto avviene in altre città italiane, per la realtà perugina non erano stati mai trattati in modo omogeneo prima d’ora. Riassumendo, i fattori che determinano sentimenti di insicurezza nella città sembrano in linea con il resto del paese, fatta eccezione per alcune peculiarità territoriali che ne determinano l’intensità. Come si vedrà, il sentimento di preoccupazione per l’accadimento di un reato non è legato tanto alla sua gravità, quanto alla possibilità stessa che esso possa verificarsi. Infatti, la microcriminalità e alcuni comportamenti devianti non direttamente perseguibili, risultano essere le fonti di maggiore disagio ed insicurezza, in quanto più facilmente visibili e maggiormente denunciati dall’opinione pubblica.
Dalle varie analisi traspare anche che il disagio di una parte dei cittadini viene incentivato dalla loro convinzione circa l’inefficacia preventiva e repressiva delle Forze dell’Ordine (a causa della loro percepita assenza sul territorio) e dal ritenere la Giustizia amministrata in modo intempestivo e viziata da influssi ideologici personali, che ne determinerebbero l’inefficacia sul piano pratico. Emerge altresì il contributo negativo della comunicazione da parte della stampa locale, che appare piatta nell’affrontare certe problematiche, in quanto si limiterebbe a riportare i fatti così come le vengono comunicati dagli organi istituzionali preposti, senza proporre ulteriori approfondimenti, lasciandosi sfuggire buone occasioni per ricercare i dettagli, ricostruire le vicende e le storie personali. Ciò richiama la “distanza” del lavoro giornalistico dai fatti e il problema della frequente mancanza di contatto con la realtà, recentemente acuito dalle innovazioni tecnologico-informative intervenute nelle redazioni.
È evidente, quindi, come la superficialità di questa comunicazione favorisca la riproduzione e il consolidamento degli stereotipi popolari su certi gruppi sociali minoritari (ad esempio i cittadini non comunitari) e certe forme di devianza, facendo dimenticare o tollerare, a volte, quelle forme più gravi operanti nell’ombra.
In questo contesto, le Forze dell’Ordine, come si è potuto appurare dall’analisi della comunicazione dell’Arma dei Carabinieri, sembra stiano migliorando, sia in termini di comunicazione interna che esterna, tanto che appare sempre più evidente l’utilizzo delle innovazioni tecnologiche e dei principi di marketing per cercare di avere una più positiva ed immediata ricaduta, che dovrebbe contribuire a rafforzare i legami, la fiducia e la loro immagine presso i cittadini.
La carenza di una comunicazione di approfondimento sulla sicurezza, rende perciò necessario l’intervento delle istituzioni aventi rapporti ed interessi pubblici, al fine di raccontare all’opinione pubblica come stanno davvero le cose e correggere le eventuali informazioni errate o incomplete che vengono assimilate dai cittadini.
Una via per affrontare questi problemi in maniera costruttiva e realistica sta dunque nella individuazione di quelle forme di comunicazione che, integrate, eliminano gli inconvenienti maggiori causati dalle percezioni ed interpretazioni dei segni che provengono dalla struttura mediale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il grado di sicurezza di una città dipende da molti fattori. Da alcuni anni, c’è la tendenza a prestare una crescente attenzione, soprattutto ai problemi connessi all’ordine pubblico ed alla diffusione della criminalità. A Perugia, si è assistito ad un aumento dei diversi indicatori di tale fenomeno, quali: il numero dei reati e il numero delle persone denunciate ed arrestate. Si può affermare con esattezza, però, che il diffondersi del senso di insicurezza degli ultimi 20-25 anni, non dipende tanto dall’aumento dei reati più gravi, come ad esempio l’omicidio, quanto da quelli di piccola-media gravità e da comportamenti non direttamente perseguibili, in quanto percepiti come maggiormente verificabili. È interessante notare che l’attività delle Forze dell’Ordine in merito alla microcriminalità è spesso dovuta alle segnalazioni dei cittadini. Questo porta ad ipotizzare che esista anche una maggiore sensibilizzazione della popolazione residente verso queste problematiche. Ipotesi confermata anche dal fatto che le zone emergenti in una geografia locale della criminalità, sono quelle più all’attenzione dei mass media e degli organi istituzionali, i quali diventano degli strumenti fondamentali nella produzione di consenso e nella veicolazione dell’informazione. Il presente lavoro si propone di affrontare il tema della sicurezza perugina, dal punto di vista comunicativo. Gli obiettivi sono quelli di determinare: come viene comunicata la sicurezza a Perugia; quanto tale comunicazione influisce sulla percezione della sicurezza da parte dei cittadini e come questa comunicazione potrebbe essere eventualmente 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi