Skip to content

L'Indicazione Geografica Protetta ''Pomodoro di Pachino''

Informazioni tesi

  Autore: Davide Lupo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e gestione dei sistemi agroalimentari
  Relatore: Marcella Rizzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

Nei successivi paragrafi analizzeremo i fattori che hanno portato al riconoscimento, anche in ambito Comunitario, delle caratteristiche uniche e irripetibili del pomodoro di Pachino, tralasciando il melone, che non ha ancora ottenuto l’ambito riconoscimento europeo.
Saranno esaminate le caratteristiche dell’area di produzione ovvero le peculiarità pedo-climatiche che hanno contribuito a differenziare il pomodoro di Pachino dagli altri seppur nobili pomodori coltivati nelle zone limitrofe.
Cercheremo di capire come gli elementi terra, acqua e sole offrono la possibilità di ottenere un prodotto oramai rinomato.
Verrà fatta una panoramica del mercato del pomodoro in Italia esaminando inoltre i prezzi al consumo e l’apprezzamento da parte dei consumatori italiani del pomodoro di Pachino.
Analizzeremo i fattori quali quello delle prospettive future riguardo la diffusione nei mercati nazionali, attraverso indagini condotte presso la GDO.
Ci soffermeremo sulle procedure di tutela e valorizzazione del prodotto, ovvero nel riconoscimento dell’Indicazione Geografica Protetta.
Analizzeremo il ruolo del Consorzio ed esamineremo i suoi compiti riguardo la tutela del pomodoro di Pachino, non tralasciando però il macchinoso iter burocratico che ha fatto sì che Pachino si potesse fregiare di un così nobile riconoscimento.
Sarà indispensabile, una volta esaminati i caratteri generali del comprensorio e le peculiarità intrinseche del pomodoro, soffermare la nostra attenzione sul disciplinare di produzione.
Constateremo tutte le caratteristiche, le procedure e le modalità inerenti la produzione di un prodotto che, a seconda delle sue tre tipologie varietali, gli italiani, e non solo, troveranno quasi tutto l’anno, grazie alla sua coltivazione in copertura protetta e a quelle caratteristiche climatiche tipiche del comprensorio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 PREMESSA Pachino, un paesino di 25.000 abitanti in provincia di Siracusa, è rimasto sino agli anni ottanta nella normalità. Inconsapevolmente, i suoi agricoltori coltivando meloni e pomodori lo hanno fatto assurgere a notorietà internazionale. I termini "Pomodoro di Pachino" e "Melone di Pachino" sono diventati in Italia e all'estero dei marchi spontanei d'alta qualità venendo riportati nei menù dei grandi ristoranti di Roma, Parigi, Londra, Amburgo, Toronto, Tokyo ecc...; spiccano nelle vetrine dei migliori negozi d’ortofrutta di tutta Europa. Va subito precisato che i pomodori e i meloni di Pachino non sono coltivati solo nel territorio di Pachino ma, in un comprensorio che comprende gli interi territori dei comuni di Pachino e Portopalo di Capo Passero e parte dei territori dei comuni di Noto ed Ispica (quasi tutti gli imprenditori agricoli, le cui aziende ricadono in questi due ultimi comprensori, risiedono nel comune di Pachino). Il comprensorio è unico: l'azzurro del mare fa da sfondo al bianco dei film di copertura delle serre e dei tunnel e al verde delle vigne. In questo lembo di terra di appena 6.000 Ha di S.A.U. 1 il settore orticolo ha raggiunto un alto grado di sviluppo (2.750 Ha di S.A.U., circa 250 miliardi di volumi d'affari, 1.000 aziende e 5.000 addetti). Ovunque ci si chiede, come in un piccolo paese del profondo Sud si sia potuto verificare un miracolo economico di tale portata e si è alla ricerca della formula adottata. Una formula vera non esiste, il fenomeno non è frutto di un progetto di sviluppo locale né tanto meno il risultato di mitici investimenti esteri o del Nord, ma la “sommatoria” di diversi fattori locali. Dal mix di questi diversi fattori, alcuni non riproducibili altrove, nasce il successo dello sviluppo di questo territorio. Nei successivi paragrafi analizzeremo i fattori che hanno portato al riconoscimento, anche in ambito Comunitario, delle caratteristiche uniche e irripetibili del pomodoro di Pachino, tralasciando il melone, che non ha ancora ottenuto l’ambito riconoscimento europeo. 1 Superficie Agricola Utilizzabile

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agricoltura
agroalimentare
ciliegino
comprensorio
igp
melone
pachino
pomodoro
tipico
tutela

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi