Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Semplificazione e partecipazione nella pubblica amministrazione. L'esperienza della A.S.L. di Cremona

Nelle aziende sanitarie la figura del manager ha portato una vera e propria rivoluzione, doveva e dovrebbe racchiudere l'emblema di un soggetto capace di sentire, assorbire e trasmettere il grado di responsabilità necessaria a far funzionare il suo ufficio. La tesi sostiene che il cambiamento, per essere efficace, deve partire dal basso ed incidere sul senso di responsabilità dei soggetti in gioco; ovviamente questo processo di mutazione del burocrate deve lasciare immutato il contesto etico dello scenario individuale e sociale

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Questa tesi vuole essere il frutto di una profonda riflessione effettuata da un dipendente pubblico che ha dedicato ben 25 anni del proprio lavoro all’interno dell’amministrazione statale. La mia esperienza nasce nei Consorzi Sanitari di Zona, nell’ufficio di igiene e profilassi, continua nella strutture della medicina preventiva dell’igiene umana e della medicina veterinaria territoriale; ciò per quanto riguarda l’attività in line, cioè a diretto contatto con il cittadino. Successivamente, la mia esperienza mi ha portato ad esprimermi dentro la direzione di un distretto socio sanitario, in posizione di Staff e con compiti di superfiltrazione, prima del direttore, ma ancora e costantemente a contatto con il cittadino/utente. Nei primi anni ho imparato che il formalismo è un elemento indispensabile e vitale per la pubblica amministrazione; chi interagisce nel suo apparato deve usare questo linguaggio perché, diversamente, rischia la paralisi per incomunicabilità sua e degli interlocutori. Col tempo, la situazione si è lentamente modificata, al punto tale che, a partire dagli anni della riforma burocratica, databile agli inizi degli anni ’90, si è avvertito il cambiamento. La burocrazia ha intrapreso nuovi itinerari. L’introduzione della figura del gestore, tradotto col termine inglese “manager”, ha portato a una vera e propria rivoluzione; questa figura, in una parola e nelle intenzione di coloro che hanno contribuito a consolidarla, doveva e dovrebbe sempre più racchiudere l’emblema di un soggetto capace, a forte spinta personalizzante ed in grado di sentire, assorbire e trasmettere il grado di responsabilità necessario a far funzionare il suo ufficio.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Guglielma Facchi Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2574 click dal 25/05/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.