Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Alchilfenoli e metalli pesanti ad attività endocrino-mometica: possibili interazioni

Molti studi hanno accertato come alcune classi di composti sintetici e naturali che circolano nell’ambiente idrico siano in grado di interferire, attraverso vari meccanismi, con il normale funzionamento del sistema endocrino e riproduttivo rappresentando un pericolo potenziale per molte specie di animali compreso l’uomo.

Mostra/Nascondi contenuto.
________________________________________________________________Introduzione 1 1. INTRODUZIONE Nel corso del ventesimo secolo il mondo ha vissuto un’esplosione tecnologica e industriale senza precedenti che ha avuto, però, diverse conseguenze negative, tra cui un rischio sempre crescente derivante dagli effetti dei prodotti e degli scarti derivanti dall’industria, colpevoli spesso di esercitare spiacevoli effetti tossici, frequentemente sull’apparato riproduttore. In particolare, alcune sostanze, definite distruttori endocrini, rappresentano un eterogeneo gruppo di contaminanti presenti nell’ambiente e negli alimenti e sono caratterizzate dalla capacità potenziale di interferire, attraverso svariati meccanismi, con il funzionamento del sistema endocrino, soprattutto con l’omeostasi endocrina, in special modo degli ormoni sessuali e degli ormoni tiroidei. La definizione classica, ormai unanimemente accettata, di distruttore endocrino è la seguente: “Un distruttore endocrino è una sostanza esogena, o una miscela, che altera la funzionalità del sistema endocrino, causando effetti avversi sulla salute di un organismo, oppure della sua progenie o di una (sotto) popolazione” (Weybridge et al., 1996). La fase più sensibile all’azione dei distruttori endocrini (DE) è sicuramente quella riproduttiva, considerata come un continuum che va dalla produzione dei gameti alla fertilizzazione, fino allo sviluppo intrauterino e postnatale della progenie, in cui inizia a formarsi l’apparato della riproduzione ed è alta la sensibilità agli ormoni. Per le sue piccole dimensioni, l’organismo in via di formazione si può trovare esposto a dosi di tossici che, modeste per l’adulto, sono per lui molto elevate. Tuttavia, possono considerarsi potenziali bersagli dei DE tutti quei tessuti/organi in cui sono presenti recettori specifici per gli ormoni steroidei e tiroidei, tra cui anche il tessuto scheletrico, il sistema cardiovascolare, il sistema nervoso centrale (SNC).

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Antonio Vergara Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2241 click dal 21/07/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.