Skip to content

Il restauro virtuale

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Uva
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Pittura e restauro
  Corso: Restauro pittorico
  Relatore: Silvia Gaggioli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

La confusione lessicale tra storici dell'arte, architetti e restauratori sul termine “restauro” ne ha reso da sempre assai incerto il significato: il termine è stato infatti attribuito sia alla riparazione funzionale dei danni del passato, sia all'azione di salvaguardia del valore devozionale o del messaggio artistico delle varie opere, che alla tutela del loro valore commerciale. Ovviamente ad ognuno di questi tipi di intervento sono corrisposte professionalità e approcci differenziati, in una babilonia di significati quali conservazione, manutenzione, ripristino, tutela, ecc. Mettersi quindi a parlare di “restauro virtuale”, cioè di un'azione che, oltre a non sapere bene quale tipo di intervento comporti, non è nemmeno reale, ma viene condotta nel campo della virtualità, della finzione, potrebbe apparire addirittura assurdo: mi preme quindi sottolineare che questa tesi non si propone certo come risoluzione dell'annoso problema della definizione di una corretta metodologia legata alla parola restauro, ma piuttosto come presentazione di un'operazione (quella virtuale appunto) che fornisca un'utile mezzo tecnico per valutare poi nella pratica qual è, tra i tanti, l'effettivo “migliore intervento realizzabile”.
Le applicazioni virtuali, o per meglio dire il supporto dato da esse, può, nell'ambito del “come” e del “quanto” restaurare, essere di grande utilità fornendo informazioni addizionali alla fase di stesura del progetto di restauro, quali ad esempio la pre-visualizzazione del risultato ottenibile con una tecnica piuttosto che un'altra, con un intervento invasivo piuttosto che con un atto leggero. E' pur vero che nessuno strumento, per quanto sia elevata la sua tecnologia, può con certezza assoluta prevedere, ad esempio, quale procedimento potrebbe far riassorbire correttamente un'infiltrazione d'umidità in un affresco, a causa delle molteplici interazioni fisico-chimiche che avvengono in una situazione del genere, ma d'altro canto non si può negare l'utilità della tecnologia e della scienza nello studio dei materiali, delle loro degradazioni e, di conseguenza, anche delle possibili soluzioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La confusione lessicale tra storici dell’arte, architetti e restauratori sul termine “restauro” ne ha reso da sempre assai incerto il significato: «le teorie del restauro non mostrano, d’altra parte, sensibilità a definire il loro linguaggio, limitandosi ad ereditare un termine che indica attività sostanzialmente differenti. La stessa storia del restauro spiega questa polivalenza di significati: il termine è stato attribuito alla semplice riparazione funzionale dei danni del passato, all’azione di salvaguardia del valore devozionale delle opere di soggetto religioso, o a quella del messaggio artistico e, per ultimo, alla tutela del valore commerciale. Ad ogni tipo di intervento e ad ogni significato hanno corrisposto professionalità diverse e approcci differenziatamente critici, una babilonia di significati dei termini connessi: conservazione, manutenzione, ripristino, reintegrazione etc.» 1 . Mettersi quindi a parlare di “restauro virtuale”, cioè di un’azione che, oltre a non sapere bene quale tipo di intervento comporti, non è nemmeno reale, ma viene condotta nel campo della virtualità, della finzione, potrebbe apparire addirittura assurdo: mi preme quindi sottolineare che questa tesi non si propone certo come risoluzione dell’annoso problema della definizione di una corretta metodologia legata alla parola restauro, ma piuttosto come presentazione di un’operazione (quella virtuale appunto) che fornisca un’utile mezzo tecnico per valutare poi nella pratica qual è, tra i tanti, l’effettivo “migliore intervento realizzabile”. Da sempre infatti, ci si pone il problema di come, quanto, ma soprattutto se restaurare, con una varietà di risposte e di teorie che ha reso gli interventi di ancor più difficile attuazione: innanzi tutto occorre partire dal presupposto che, quando «il manufatto non risponde più adeguatamente alle funzioni per le quali era stato prodotto, allora è necessario sottoporlo a restauro. […] Bisogna assicurarne la sopravvivenza in quanto oggetto fisico, intervenendo sui suoi materiali costitutivi. L’estensione di tale intervento varia, in primo luogo, a seconda delle condizioni in cui si trova il manufatto e, in secondo luogo, in relazione agli scopi che ci si propone. Ci si può limitare, così, al puro e semplice mantenimento dello stato in cui il manufatto ci è pervenuto, perché di più non si può fare. […] All’estremo opposto si può giungere, sempre che le condizioni del manufatto lo permettano, anche al ripristino della piena funzionalità originaria. […] Tra uno e l’altro tipo di intervento, o meglio tra l’intervento di conservazione minimo e l’intervento di restauro potenziato, esiste tutta una gamma di possibilità che fa sì che ogni intervento di conservazione-restauro costituisca un caso a sé, certamente non ripetibile in serie» 2 . Le applicazioni virtuali, o per meglio dire il supporto dato da esse, può, nell’ambito del “come” e del “quanto” restaurare, essere di grande utilità fornendo informazioni addizionali alla fase di stesura del progetto di restauro, quali ad esempio la pre-visualizzazione del risultato ottenibile con una tecnica piuttosto che un’altra, con un intervento invasivo piuttosto che con un atto leggero. E’ pur vero che nessuno strumento, per quanto sia elevata la sua tecnologia, può con certezza assoluta prevedere, ad esempio, quale procedimento potrebbe far riassorbire correttamente un’infiltrazione d’umidità in un affresco, a causa delle molteplici interazioni fisico-chimiche che avvengono in una situazione del genere, ma d’altro canto non si può negare l’utilità della tecnologia e della scienza nello studio dei materiali, delle loro degradazioni e, di conseguenza, anche delle possibili soluzioni. Tutt’altro discorso va fatto invece per «il problema generale, se conservare o modificare i dati di fatto storicamente depositati in un opera d’arte o in un oggetto antico; il problema cioè del se restaurare, può essere affrontato solo entro l’orizzonte ampio e generale delle discipline storiche; discipline più specifiche o tecniche – della storia dell’arte o della tecnologia – a seconda del tipo di documento, potranno fornire, ma in un secondo momento, le soluzioni al problema del come» 3 . 1 S.BOVA, “Il restauro tra storia e coscienza del tempo”, Trauben Edizioni, Torino, 2002, cit. pag. 9. 2 G.BASILE, “Che cos’è il restauro”, Editori Riuniti, Roma, 1989, cit. pp. 85-86. 3 S.BOVA, “Il restauro tra storia e coscienza del tempo”, Trauben Edizioni, Torino, 2002, cit. pag. 16.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi