Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Caffè: discorsi di carattere etico-sociale

Sul finire del Medioevo, l'Italia si trova in un periodo piuttosto controverso causato principalmente della sua frammentazione politica. Nel resto dell'Europa, in particolare nei Paesi Bassi, in Inghilterra e poi in Francia, si iniziano a riscontrare fenomeni nuovi: si diffonde una nuova ideologia che, partendo dal razionalismo cartesiano si estese poi tra ampi strati della popolazione divenendo un vento di rinnovamento della società. Anche la società italiana venne investita, seppur con ritardo, da questo fenomeno che, infatti, mirò al cuore della società mutandone radicalmente gli atteggiamenti e il modus vivendi.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1.1 Alla fine dell'era medioevale l'Italia si configurava come un sistema organizzato essenzialmente in cinque Stati maggiori, Napoli, Roma, Firenze, Venezia e Milano, uniti da un fragile patto di non aggressione che resistette per quarant'anni (1454-1494). Con le guerre di predominio che avevano visto gli Stati italiani non resistere all'attacco di Carlo VIII di Francia prima, di Spagna e dell'Impero poi, fiancheggiati o osteggiati dall'uno o dall'altro degli Stati italiani, dal 1494 al 1559 la Penisola visse un intenso periodo di guerre che si concluse con il predominio della Spagna, mantenuto sino ai primi anni del XVIII sec. Domini diretti della Corona spagnola divennero i Regni di Sicilia e di Napoli, il Regno di Sardegna, il Ducato di Milano, alcune parti della costa tirrenica tra cui l'Elba e Piombino. Il Piemonte fu restituito ai Savoia dai francesi. Nonostante queste guerre, in Italia tra il 1454 e il 1559 non si arrestò, ma anzi si sviluppò, un fervido periodo culturale. L'atteggiamento dei sudditi verso la Corona spagnola fu, in complesso, di lealtà e di devozione. Ma il disagio della popolazione venne sempre crescendo e, pur rimanendo vivo un sentimento di devozione verso la Corona, non mancarono sommosse che prontamente vennero soffocate dagli

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Rosario Panzella Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4345 click dal 16/05/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.