Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Giornalismo di guerra: tecniche, evoluzioni, analisi

Scopo di questa tesi è analizzare la figura dell’inviato di guerra, dagli albori al suo ruolo nei conflitti moderni ed ipertecnologici. In questo cammino ho voluto sottolineare i problemi della censura, del news managment, dei rapporti con le fonti e con l’opinione pubblica. In conclusione, analizzando i fattori legati alla manipolazione, alla distorsione delle notizie, alla censura politica e strategica, alla spettacolarizzazione degli eventi (indotta dal mezzo televisivo), e mediante anche interviste con gli inviati italiani più “esperti” di conflitti, ho cercato di capire se e in che misura questi elementi possano “sporcare” la veridicità e la credibilità dei reportage di guerra.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE La figura dell’inviato di guerra, come lo conosciamo adesso, ha subìto notevoli cambiamenti nel tempo, e molteplici trasformazioni. Trasformazioni agevolate -e probabilmente causate- dall’evoluzione delle tecnologie della comunicazione di massa: si è passati infatti dalla posta a cavallo al telegrafo, dal satellite ad internet. L’inviato di guerra è un testimone, è qualcuno mandato sul luogo del conflitto per raccontarlo all’opinione pubblica, per mostrarlo sui nostri schermi cosi com’è, e fare in modo che ognuno di noi possa formarsi la sua opinione. Ma questo processo di testimonianza, di “traghettamento” di fatti e immagini da posti lontanissimi ai salotti di casa nostra, non è così semplice ed immediato. Ogni inviato, nelle diverse epoche storiche, ha avuto i suoi problemi, sempre uguali pur essendo sempre differenti: rapporto con le fonti e con le autorità militari, meccanismi di censura sempre più sottili e tentacolari. Fino ad oggi, quando il problema principale è diventato narrare l’inenarrabile, ovvero testimoniare conflitti dove il nemico è invisibile, dove le macchine da guerra sembrano prevalere sull’individualità umana. Durante un conflitto siamo noi spettatori a chiedere, a pretendere dai mass media un racconto, un ordine narrativo: vogliamo sapere chi sono i buoni e chi i cattivi, chi ha vinto e chi ha perso. La nostra è una domanda di “senso”, vogliamo che il media ci spieghi cosa sta succedendo. E la televisione è forse il mezzo di

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Francesca Di Belardino Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7860 click dal 16/05/2005.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.