Skip to content

Il contratto discografico. Profili privatistici

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Lauriola
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Giacomo Porcelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 145

Il contratto discografico è un contratto la cui stipulazione dà il via ad una serie di rapporti di tipo sia giuridico che economico ed artistico di grande rilevanza ed interesse.
Si inizia a parlare di contratto discografico a partire dalla metà del 1900, quando appaiono sul mercato i primi dischi e si registra la loro sempre maggiore diffusione. Accanto alla rilevanza del fenomeno socio-culturale, ci si riferisce alla più facile diffusione dell’opera musicale tra il pubblico, sorgono problemi in riferimento ai diritti che interessano le nuove figure nel campo di quella che ormai è definibile l’ “industria musicale”.
Tali nuove figure sono il produttore fonografico, cioè colui il quale organizza persone e mezzi al fine di effettuare l’attività di fissazione e registrazione su dischi (nei differenti formati esistenti), ne cura la duplicazione ed a volte anche la commercializzazione al pubblico, e l’artista interprete ed esecutore, il quale sostanzialmente interpreta la canzone, cantandola, o la esegue, suonandola.
Il riconoscimento di importanti diritti al produttore fonografico e all’artista interprete ed esecutore, in un percorso normativo ancora oggi in movimento, comporta un cambiamento rilevante nel sistema dei diritti nell’ambito del settore musicale in quanto vi è il superamento dell’egemonia che la figura dell’autore ha esercitato per lungo tempo.
Il contratto discografico non è disciplinato in modo specifico dalla legge, anche se i “soggetti” protagonisti di tale tipologia negoziale, un’artista interprete ed un produttore fonografico, sono disciplinati in maniera approfondita dalla legge sul diritto di autore n. 633 del 1941 e dalle sue successive modificazioni.
Non essendo disciplinato tra i contratti “tipici” previsti dalla legge, tale contratto è qualificabile come contratto atipico.
C’è stato comunque il tentativo, da parte della dottrina e anche della giurisprudenza, di inquadrare il contratto discografico in una figura tipica, ad esempio in quella del “contratto subordinato”, del “contratto di associazione in partecipazione”, del “contratto di cointeressenza”, o in quella di “parasubordinazione”. Non si può affermare che il contratto discografico si avvicini di più ad una particolare figura tipica in quanto il suo contenuto tende a variare in base alle diverse tipologie negoziali esistenti e quindi in base alle esigenze manifestate di volta in volta dai contraenti. Il contratto discografico potrà avvicinarsi ad una specifica figura tipica in base ai tratti salienti che, di volta in volta, lo caratterizzano.
Il lavoro inizia con una breve quanto necessaria descrizione del “contesto ambientale”, in particolare culturale, sociologico e tecnologico, in cui si inserisce il contratto discografico; un contesto fatto di problemi importanti ed attuali, come la pirateria ed il download di musica da internet, pratiche illegali che comportano una evidente violazione dei diritti di produttori di musica, di autori ed interpreti a cui, sia il legislatore sia l’industria musicale, non hanno, fino ad oggi, saputo far fronte in maniera efficace.
Subito dopo la definizione del contratto in questione e l’analisi della sua atipicità, si dà rilevanza ai numerosi diritti spettanti ai soggetti che, direttamente o indirettamente, contribuiscono positivamente alla stipulazione ed esecuzione del contratto; si tratta di diritti sia morali che patrimoniali, che le diverse figure analizzate possono vantare e, talvolta, (per ciò che attiene i diritti di natura patrimoniale) possono cedere con importanti conseguenze; si tratta di diritti che possono essere esercitati direttamente dai titolari, oppure attraverso delle società o enti, ad es. la S.I.A.E., l’I.M.A.I.E., la F.I.M.I., che sono, rispettivamente, le società che tutelano e/o gestiscono i diritti degli autori, degli artisti interpreti, e dei produttori fonografici.
Nella seconda parte del lavoro si analizzano gli elementi essenziali del contratto discografico con particolare riguardo alle obbligazioni che le parti si impegnano a sostenere nei confronti dell’altra.
Nella parte finale del lavoro si analizza la possibilità del verificarsi di un evento patologico nel rapporto contrattuale e si evidenzia come il produttore fonografico tenda, attraverso l’attento inserimento in contratto di apposite clausole, a riservarsi l’opportunità di prorogare la durata contrattuale dopo la sua scadenza naturale, attraverso l’opzione e la prelazione, ad es., o di interrompere il rapporto contrattuale, attraverso il recesso o anche la cessione del contratto ad un produttore terzo la cui autorizzazione necessaria dell’artista è solitamente richiesta, ed ottenuta, preventivamente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il contratto discografico è un contratto la cui stipulazione dà il via ad una serie di rapporti di tipo sia giuridico che economico ed artistico di grande rilevanza ed interesse. Nel presente lavoro si è affrontato l’argomento mettendone in evidenza i profili privatistici che maggiormente lo caratterizzano. Si inizia a parlare di contratto discografico a partire dalla metà del 1900, quando appaiono sul mercato i primi dischi e si registra la loro sempre maggiore diffusione. Accanto alla rilevanza del fenomeno socio-culturale, ci si riferisce alla più facile diffusione dell’opera musicale tra il pubblico, sorgono problemi in riferimento ai diritti che interessano le nuove figure nel campo di quella che ormai è definibile l’ “industria musicale”. In passato, infatti, quando si trattavano i diritti attinenti il settore musicale, si concentrava l’attenzione quasi esclusivamente sui diritti dell’autore dell’opera, storicamente la figura più importante in tale settore. In questo lavoro, invece, si parte dalla disciplina dei diritti dell’autore, per poi dare maggiore rilevanza ai diritti “connessi”, che sono proprio i diritti che spettano alle figure protagoniste del contratto discografico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

633
dischi
discografia
discografico
fonografico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi