Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rischi sanitari in ambiente penitenziario

Di qualunque problema in carcere diventa più rilevante il peso, la complessità, più difficile la soluzione e la tempestività nell'affrontare compiti nuovi. Promiscuità, sovraffollamento, tossicodipendenza, siropositività determinano non poco aggravio per gli operatori e le istituzioni che sono chiamate a fronteggiare l'emergenza sanitaria. nei confronti della popolazione carceraria c'è bisogno di una attenzione sanitaria più decisa che si collochi sotto una percezione non paragonabile a quella della popolazione libera. Drammatico è l'incremento delle percentuali di tossicodipendenti che, nelle carceri italiane costituiscono circa il 25%; la crescita dei soggetti sieropositivi colpiti da HIV/AIDS e patologie correlate, che rappresentano circa il 15%; dati peraltro non attendibili in quanto almeno il 50% dei detenuti non accetta di sottoporsi volontariamente al test. Vi è un incremento delle malattie a trasmissione sessuale, della Tbc, forme di epatiti; si assiste alla crescita di gesti auto ed eterolesionistici e di problemi di natura mentale. Un tipo di utenza difficile da tutelare psicologicamente e fisicamente, che deve indurre a salvaguardare l'integrità psico-fisica del detenuto almeno come quella di ogni altro cittadino.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREMESSA Di qualunque problema in carcere diventa più rilevante il peso, la complessità, più difficile la soluzione e la tempestività nell'affrontare compiti nuovi. Promiscuità, sovraffollamento, tossicodipendenza, sieropositività determinano non poco aggravio per gli operatori e le istituzioni che sono chiamate a fronteggiare una nuova emergenza: quella sanitaria. Un'emergenza che risulta difficile, preoccupante da affrontare perché conciliare con equità le esigenze di quelli che non sono ammalati e hanno diritto di essere difesi dal contagio, con le esigenze di coloro che. ammalati, hanno diritto di essere curati e non solo marchiati ed emarginati, è molto complesso. Nei confronti della popolazione carceraria c'è bisogno di una attenzione sanitaria più decisa che si collochi sotto una percezione non paragonabile a quella della popolazione libera. Drammatico è l'incremento delle percentuali dei tossicodipendenti che, nelle carceri italiane costituiscono circa il 25%;

Tesi di Laurea

Facoltà: Magistero

Autore: Raffaele Crescenzo Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2805 click dal 27/05/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.