Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione della professionalità del magistrato

La riflessione sull’adeguatezza professionale del magistrato coinvolge il tema più ampio della cultura del giudice in senso sociologico, come rapporto tra formazione culturale e collocazione sociale, ed abbraccia problematiche strettamente connesse, quali il reclutamento, la formazione, la progressione in carriera, ma anche il rapporto fra magistratura e politica, la qualità del prodotto giurisdizionale, la tutela dei diritti individuali, l’efficienza del sistema giustizia. Ragionare su tali questioni significa riflettere sul ruolo che si intende assegnare al giudice nell’ordinamento e, quindi, sul modello di ordinamento giudiziario che si intende perseguire.
La figura di giudice delineata dalla nostra Costituzione presenta dei caratteri di discontinuità nei confronti del modello burocratico di giudice fungibile, meccanico applicatore della legge, mera bouche de la loi, descritto nel testo del R.D. n. 12 del 1941, tuttora vigente nonostante le innumerevoli modifiche subite.
Ma il vero mutamento di prospettiva si ha con l’avvento del disgelo costituzionale e l’effettivo funzionamento del CSM e della Corte Costituzionale, che contribuiscono a delineare un giudice professionale, impegnato in prima linea a risolvere controversie di grande impatto sociale (terrorismo, criminalità organizzata, sicurezza sul lavoro e ambiente); un giudice portiere del giudizio sulle leggi e dotato delle garanzie di autonomia derivanti dall’esistenza di un organo di autogoverno; un giudice cosciente del bisogno di dotarsi di una professionalità altissima, perché senza di essa non si è armati per l’indipendenza.
[...]
La professionalità del magistrato, infatti, va garantita non soltanto in punto di selezione, quando il giovane giurista vuole accedere in magistratura, ma anche –e soprattutto– in corso di carriera, quando concretamente si presenta l’occasione per la promozione a magistrato d’Appello o di Cassazione e pure a prescindere da tali scadenze.
La formazione del magistrato, come comunicazione organizzata di conoscenze tecniche pratiche deontologiche, che non si ferma al sapere puro e semplice, ma si rivolge anche al saper fare ed al saper essere, cui si aggiunge il dato ulteriore dell’esperienza concreta, rappresenta il veicolo privilegiato della professionalità. [...]
La particolare natura del prodotto giurisdizionale rende certamente difficoltosa la redazione dei pareri da parte dei valutatori, poiché si sottrae ai parametri di controllo tipici delle altre attività professionali private: non può essere adatto il criterio della concorrenza, né quello dei risultati, né le esigenze degli utenti delle prestazioni, né il riscontro economico.
Tuttavia, anche il lavoro del magistrato deve poter essere valutato, non certo per trarne un diverso atteggiamento decisionale, magari favorevole alle istanze del singolo interessato, ma per stimolare il magistrato ad un auto-affinamento delle sue qualità professionali e per ottenere la migliore qualità del prodotto-sentenza senza incidere sull’indipendenza di chi lo deve fornire.
Il magistrato, qualsiasi funzione eserciti, deve essere indipendente, corretto, diligente, laborioso, capace. Ed è proprio sul terreno della laboriosità, ossia sulla produttività e sul rendimento,che si moltiplicano le riflessioni dei giuristi, della magistratura associata e dello stesso CSM nelle sue circolari, perché si tratta di un profilo molto delicato, che necessita di essere affrontato con le opportune differenziazioni a seconda del mestiere esercitato e di parametri concretamente verificabili.
Inoltre, la riferibilità anche agli uffici giudiziari del criterio del buon andamento della PA e la crescente consapevolezza che la giurisdizione non è solo esercizio di una sovranità ma anche erogazione di un servizio, rendono non più elogiabile una carriera che si snoda per la sua interezza senza apprezzabili verifiche sul costante aggiornamento dei livelli di preparazione del singolo giudice. E ciò in quanto nel sistema costituzionale italiano la professionalità è considerata la fonte primaria della legittimazione democratica dei giudici ordinari che amministrano la giustizia in nome del popolo.
L’obiettivo dell’adeguatezza professionale dei magistrati, allora, può essere raggiunto se e nella misura in cui ogni magistrato si senta responsabile della giustizia, sia della parte da lui direttamente amministrata che di quella che il CSM e i Consigli Giudiziari gestiscono attraverso il controllo sulla professionalità. Occorre che i valutatori assumano una rinnovata consapevolezza del ruolo istituzionale che ricoprono e si muniscano degli strumenti necessari per porre in essere verifiche effettive.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Premessa. Le questioni relative all ordinamento giudiziario, che hanno caratterizzato in modo peculiare l evoluzione storica delle istituzioni italiane ed interessato vari movimenti culturali fin dai tempi antecedenti all esperienza costituente, ancora oggi rappresentano il punto focale di innumerevoli confronti sia sul piano piø propriamente istituzionale, sia sul piano politico in generale, in cui Ł determinante notare il particolarissimo legame che corre fra la magistratura italiana e gli altri poteri dello Stato e il mondo politico e le altre professioni legali e la societ . In effetti, anche la coscienza collettiva e il piø ristretto campo percettivo del singolo cittadino non possono che confrontarsi e, talvolta, scontrarsi con le varie prospettive di un argomento tanto poliedrico; prima di tutto perchØ il cittadino ha diritto a un magistrato imparziale1, non influenzato da fattori politici, economici, sociali; a un magistrato non determinato dalle volont dei suoi dirigenti o superiori; a un magistrato che possa fare giustizia nell immediato e senza vincoli, poichØ fa parte di un potere diffuso ; a un magist rato che svolga il suo lavoro seriamente, in modo da garantirne la qualit , prim a che la quantit ; a un magistrato che sia dotato di un sapere ma, nello stess o tempo, a un magistrato che sappia essere tale; in conclusione, i cittadini hanno diritto ad un magistrato imparziale e indipendente, adeguatamente formato e professionalmente attrezzato2. Non pu , dunque, considerarsi il tema in esame retaggio di no stalgici costituzionalisti, nØ un nuovo dilemma portato in auge dalle cronache. ¨ una ferita mai sanata, apertasi ancor prima dell inattuata VII disposizione transitoria della Costituzione, un esigenza avvertita sin dai tempi dell uni ficazione nazionale, un anelito di concretezza, sopito da inadeguati e frammentari interventi legislativi, da sentenze della Corte costituzionale, circolari del Consiglio Superiore della 1 In proposito, vedi la recentissima sentenza della Sezione Disciplinare del CSM, 19 settembre 2003/23 marzo 2004, procedimento n. 85/2003 Reg. Dep., Presidente Buccico Estensore SalmŁ. 2 Giunta Esecutiva Centrale dell A.N.M., Documento conclusivo. I magistrati e la sfida della professionalit , in I magistrati e la sfida della professionalit a cura di E. Bruti Liberati, IPSOA, 2003, p. 91.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Maria Pia Larne' Contatta »

Composta da 232 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3266 click dal 23/05/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.