Skip to content

La Strategia di Sicurezza Nazionale di George Walker Bush

Informazioni tesi

  Autore: Alessio Atzori
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Liliana Saiu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 186

Ogni quaranta-cinquant’anni negli Stati Uniti si assiste ad una nuova elaborazione di strategie tese ad organizzare il potere americano e a designarne il ruolo nel mondo. Così avvenne dopo la prima guerra mondiale e dopo la seconda, mentre ora stiamo assistendo al delinearsi di una nuova strategia, nata dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica. La sicurezza internazionale e in particolare degli Stati Uniti, prima della caduta dell’Unione Sovietica, era garantita dalla presenza delle armi nucleari e dal duplice principio della deterrenza e del contenimento. Nel complesso, il principio che assicurava un equilibrio ed aveva evitato una guerra devastante per entrambi gli schieramenti era chiamato MAD (Mutual Assured Destruction). Si trattava della consapevolezza che un attacco nei confronti del nemico avrebbe scatenato la sua rappresaglia che sarebbe stata letale poiché molto probabilmente di natura nucleare. Con la caduta dell’impero sovietico molti analisti pensarono che ormai il mondo si avviava verso una pace duratura, verso una pax americana, dominata dai suoi principi morali. La fine della guerra fredda, per molti, aveva sancito la fine di tutte le guerre, ma così non è stato. In effetti si è assistito ad un moltiplicarsi delle guerre locali, sino ad arrivare all’11 settembre 2001, data che ha fatto capire agli Stati Uniti che i sogni di pace sono ancora lontani. Il decennio che ha preceduto questa data è stato caratterizzato da una mancanza di strategie. In sostanza si è continuato a far riferimento a trattati e principi nati per far fronte alle minacce della guerra fredda e perciò adatti a quell’epoca. In effetti tutti i conflitti locali che si sono verificati sono stati affrontati senza avere una direzione unica, senza una precisa strategia. C’è voluto più di un decennio per capire che il sistema internazionale era inadeguato a rispondere alle nuove sfide. Così si è giunti al giorno degli attentati terroristici negli Stati Uniti. È possibile affermare che l’11 settembre 2001 ha contribuito a far riaprire gli occhi sulla realtà dello scenario internazionale. Tutto il mondo, ma in particolare gli Stati Uniti, si sono accorti di essere per la prima volta veramente vulnerabili. La lotta al terrorismo internazionale trova concordi la maggior parte dei paesi appartenenti alla comunità internazionale. Ognuno di essi tuttavia reagisce in maniera diversa e così gli Stati Uniti. La risposta che il paese americano da a questo episodio e, di conseguenza, la risposta che intende dare al terrorismo, nuova priorità assoluta, è l’argomento centrale della tesi.

Gli obiettivi di questo studio sono in primo luogo l’analisi della strategia di sicurezza nazionale americana in tutti i suoi elementi. Obiettivo altrettanto fondamentale è l’analisi dei casi di applicazione della stessa soprattutto in riferimento alle crisi con l’Iraq e con la Corea del Nord. Gli obiettivi secondari sono disegnare una linea generale della politica estera e di sicurezza durante quasi tutto il mandato dell’amministrazione Bush e allo stesso tempo fornire al lettore gli strumenti necessari per il formarsi una sua valutazione autonoma.

Tutto il materiale è stato organizzato in quattro capitoli, che si susseguono in ordine cronologico. Il primo capitolo comprende tutta la campagna elettorale e il periodo delle elezioni. Il secondo il periodo che va dal gennaio 2001 sino alla pubblicazione dei principali documenti strategici nel settembre 2002. L’ordine cronologico viene ripreso nel quarto capitolo con la descrizione delle crisi in Iraq e nella Corea del Nord. In questo capitolo sono presenti anche argomenti non compresi nel tema centrale ma utili a dare una immagine completa della strategia stessa. Nel terzo capitolo ho abbandonato l’analisi semicronologica per concentrarmi esclusivamente sui documenti strategici. La struttura del capitolo riprende in gran parte quella dei documenti in questione per ottenere il massimo dell’obiettività.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Ogni quaranta-cinquant’anni negli Stati Uniti si assiste ad una nuova elaborazione di strategie tese ad organizzare il potere americano e a designarne il ruolo nel mondo. Così avvenne dopo la prima guerra mondiale e dopo la seconda, mentre ora stiamo assistendo al delinearsi di una nuova strategia, nata dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica. La sicurezza internazionale e in particolare degli Stati Uniti, prima della caduta dell’Unione Sovietica, era garantita dalla presenza delle armi nucleari e dal duplice principio della deterrenza e del contenimento. Nel complesso, il principio che assicurava un equilibrio ed aveva evitato una guerra devastante per entrambi gli schieramenti era chiamato MAD (Mutual Assured Destruction). Si trattava della consapevolezza che un attacco nei confronti del nemico avrebbe scatenato la sua rappresaglia che sarebbe stata letale poiché molto probabilmente di natura nucleare. Con la caduta dell’impero sovietico molti analisti pensarono che ormai il mondo si avviava verso una pace duratura, verso una pax americana, dominata dai suoi principi morali. La fine della guerra fredda, per molti, aveva sancito la fine di tutte le guerre, ma così non è stato. In effetti si è assistito ad un moltiplicarsi delle guerre locali, sino ad arrivare all’11 settembre 2001, data che ha fatto capire agli Stati Uniti che i sogni di pace sono ancora lontani. Il decennio che ha preceduto questa data è stato caratterizzato da una mancanza di strategie. In sostanza si è continuato a far riferimento a trattati e principi nati per far fronte alle minacce della guerra fredda e perciò adatti a quell’epoca. In effetti tutti i conflitti locali che si sono verificati sono stati affrontati senza avere una direzione unica, senza una precisa strategia. C’è voluto più di un decennio per capire che il sistema internazionale era inadeguato a rispondere alle nuove sfide. Così si è giunti al giorno degli attentati terroristici negli Stati Uniti. È possibile affermare che l’11 settembre 2001 ha contribuito a far riaprire gli occhi sulla realtà dello scenario internazionale. Tutto il mondo, ma in particolare gli Stati Uniti, si sono accorti di essere per la prima volta veramente vulnerabili. La lotta al terrorismo internazionale trova concordi la maggior parte dei paesi appartenenti alla comunità internazionale. Ognuno di essi tuttavia reagisce in maniera diversa e così gli Stati Uniti. La risposta che il paese americano da a questo episodio e, di conseguenza, la risposta che intende dare al terrorismo, nuova priorità assoluta, è l’argomento centrale della tesi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi