Skip to content

L'immagine sensibile e la sensibilità all'immagine. Estetica ed emozione nella fotografia di moda tra arte e business.

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Giorgi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Daniella Iannotta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 230

La fotografia di moda ha rappresentato per il XX secolo una delle spie culturali e dei terreni sperimentali di maggior rilevanza ed impatto, muovendosi come una sfera permeabile tra i più disparati universi simbolici (sull’asse fotografia-moda-arte-business) e ridefinendo in maniera quasi ossessiva estetiche e codici comunicativi.
Al di là delle peculiarità linguistiche e dei meccanismi propri dei due mostri e profeti che la compongono (ossia la riproducibilità tecnica, la fotograbilità, l’impronta fotografica, la temporalità frantumata per la fotografia; le implicazioni sociologiche riguardanti la tensione psicologica tra uguaglianza e differenziazione per la moda), la fotografia pubblicitaria di moda si presenta come un oggetto filosoficamente bifronte che partecipa dell’alto e del basso, del sublime e dell’insulso e si configura come un’attività liminare i cui fattori discriminanti sono risultati essere i momenti complementari dell’estetica e dell’emozione.
Per momento estetico s’intende un portamento interiorizzato di auto ed etero comprensione che, sulla scia delle lezioni di Gadamer, considera il “Bello” come un principio produttivo (e non soltanto contemplativo) che si fa strada attraverso il movimento senza meta proprio del Gioco dell’arte.
Per momento emotivo s’intende, invece, la frattura che si crea tra la fotografia di moda come attività altamente pianificata e la fotografia di moda come intima ferita e come avventura che punge (dall’illuminante distinzione di Barthes tra studium e punctum) aprendo infinite vie ai giochi sulla forma e sul senso.
A quest’orizzonte estetico-emotivo si affiancano necessariamente analisi e spunti sulla storia della fotografia di moda, sul suo peso economico, sui suoi canali privilegiati (le riviste) e sui rischi e le strategie comunicative, tanto nel contesto di produzione quanto negli universi ricompositivi di ricezione.
Infine, sulla base dell’ontologia e dello statuto specifico dell’immagine fotografica, si getta uno sguardo sulle prospettive riguardanti la rivoluzione in atto del digitale e su un’auspicabile “ecologia delle immagini”. Mantenendo comunque, la sensibilità estetico-emotiva quale garanzia di incisività e significatività che permetta di alleggerire il sistema dell’arte inserendovi quello della moda e di dare spessore al sistema della moda inserendovi quello dell’arte. Di modo che la fotografia di moda possa continuare ad essere, nei suoi prodotti migliori, un accrescimento ed un’esperienza rivelatrice.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Nel Rinascimento, di un uomo accorto si diceva che avesse “naso”. Oggigiorno, di una persona in grado di cogliere e valutare le differen- ti istanze che gli si pongono davanti, si dice che ha “occhio”. E’ que- sta prima rivoluzione, di tipo sensoriale, che ci ha spinti in questa trattazione a parlare di fotografia. Il motivo di ciò risiede nella convinzione che proprio questo mezzo, avendo mutato la faccia e la psi- che del mondo, supera di gran lunga altre chiavi di volta della storia ed abbia prodotto delle conseguenze di tale impatto da creare una cul- tura visiva completamente nuova con delle implicazioni dalla portata sconvolgente. L’inventore della fotografia, Nicéphore Niepce, fece sforzi disperati per affermare la sua idea e morì nella miseria. Oggi pochi conoscono il suo nome, ma la fotografia è diventata il linguaggio più comune della nostra civiltà. E quale altro linguaggio se non quello della moda è attualmente così onnipresente sulla nostra retina frastor- nata? Eh sì, perché oltre che affascinato, il nostro occhio è continua-

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi