Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'acquisto simulato di droga. Il ruolo dell'infiltrato.

La presente trattazione intende offrire un'analisi politico-sociale della figura dell'agente provocatore e del ruolo dell'infiltrato con riferimento alla vigente normativa sugli stupefacenti approvata con D.P.R. 10 ottobre 1990, n. 309, offrendo concreti spunti di riflessione sulla legittimità dal punto di vista giuridico e penalistico delle operazioni sottocopertura e delle modalità d'intervento degli operatori di polizia

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA La recente normativa sugli stupefacenti, approvata con legge 26 giugno 1990, n. 162, fornisce nuovi strumenti di lotta al traffico nazionale ed internazionale di droga, in particolare l’art. 25 inserisce nel Titolo VIII della legge 22 dicembre 1975, n. 685 1 un nuovo Capo III 2 , costituito dalle “Disposizioni sull’attività di polizia giudiziaria”, il quale contiene al suo interno l’art. 84 bis, disciplinante l’“Acquisto simulato di droga”. Entrambe le leggi ora citate sono state riunite e coordinate dal T.U. sugli stupefacenti, adottato con D.P.R. 9 ottobre 1990 n. 309. A tal proposito, si è ritenuto opportuno fornire, nella parte iniziale del lavoro, una descrizione dell’attuale dimensione del fenomeno “droga” e dei principali strumenti di investigazione e di accertamento degli organi di polizia, tra i quali sicuramente un ruolo privilegiato spetta alla Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, organo che assume carattere di centralità, sia a livello interno che sul piano internazionale, nel coordinamento delle Forze di Polizia e nello sviluppo dei rapporti con i corrispondenti Servizi delle Polizie estere. Il citato D.P.R. n. 309/90 regola l’ipotesi di acquisto simulato all’art. 97. Tale disposizione introduce nel nostro sistema la figura del fictus emptor nei reati contratto, consentendo di porre in essere una vera e propria provocazione al reato e permettendo all’agente provocatore di “infiltrarsi clandestinamente nel traffico illecito e 1 La nuova legge, recante “Disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope. Prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossico-dipendenze”, ha riordinato le previsioni in materia, risalenti alla legge n. 1041/54. 2 Intitolato «Disposizioni sull’attività di polizia giudiziaria» e composto da sette articoli, dall’ 84 bis all’84 octies, di cui il primo relativo all’«Acquisto simulato di droga». Lo stesso Capo III sul T.U. n. 309/90 reca le «Operazioni di polizia e destinazione di beni e valori sequestrati o confiscati», dall’art. 97 all’art. 103.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Claudio Catalani Contatta »

Composta da 275 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5049 click dal 13/06/2005.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.