Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi d'impresa e le tecniche di tutela del credito

Il lavoro in oggetto,muovendo dall'analisi del fenomeno della crisi della macro impresa,e per il "sistema impresa" e per il sistema bancario,si preoccupa di evidenziare le diverse tecniche d'intervento:pubblico,privato;nonchè i diversi tipi d'intervento:giurispudenziale,aziendalistico.Il lavoro si preoccupa di analizzare a fondo le diverse normative in tema:L.Prodi,L.Prodi-bis,Decreto Marzano;evidenziando i caratteri giuridici degli attori delle procedure nella gestione della crisi.In ultimo vengono affrontati gli stumenti legislativi e le prospettive di riforma proposte dall'attuale legislatore.Il lavoro si completa con l'analisi del crack del gruppo parmalat, provvedendo sugli aspetti giuridici e seppur genericamente su quelli di finanza

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I Profili generali sulla crisi d’impresa e sul ruolo delle Banche 1. La crisi di Impresa tra sistema industriale e sistema finanziario Non credo si debba ricorrere a grandi studi giuridici ed economici per comprendere come la crisi d’impresa, costituisca un nodo fondamentale nello studio del diritto fallimentare, e come questa abbia in essere riflessi sui rapporti tra sistema industriale e commerciale da un lato, e il sistema bancario e dei mercati finanziari dall’altro. L’individuazione delle regole del gioco, ovvero dell’impianto normativo, che ogni Paese si da per la definizione legislativa di un evento, sicuramente incerto, ma che si caratterizza per una propria patologia, deve orientarsi in primis nella individuazione delle cause che determinano la crisi di un impresa e, ancora, comprendere come tale fenomeno rilevi per un duplice motivo. Le regole del gioco influiscono sicuramente sulla distribuzione dei cd. costi irrecuperabili cui un impresa “in difficoltà” si trova ad affrontare, e ancora perché tali regole condizionano sicuramente la normale vita quotidiana dell’azienda. Si considerino, a sostegno di tale idea, le concrete possibilità di un impresa di reperire capitale di rischio, o più generalmente, credito dalle banche, sia in uno stato di normale attività, sia in quelle situazioni di temporanea difficoltà.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giandonato La Salandra Contatta »

Composta da 476 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5487 click dal 15/06/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.