Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Integrazione tra sistema qualità e sistema ambiente: un caso specifico

Lo scopo del lavoro che mi accingo a presentare è quello di fornire un illustrazione, chiara ai lettori, dell’organizzazione del sistema qualità e del sistema ambiente, della vasta produzione normativa riferita e della loro implementazione in un unico sistema (che si dice appunto integrato); il tutto considerato nello specifico riferimento di un’azienda che, ormai da più di cinquant’anni, opera efficacemente nella trasformazione dell’alluminio: la PONZIO SUD s.r.l..


A tutt’oggi i sistemi di gestione presenti nelle aziende sono quelli per la qualità, per l’ambiente e per la sicurezza. La diffusione di tali sistemi è stata sicuramente facilitata, dal sempre crescente legiferare su questa materia (nel rispetto del cliente e di un ambiente sempre più minato da attività spregiudicate e nocive per l’intero pianeta) e dalla possibilità, intravista dalle organizzazioni più lungimiranti, di sfruttare i sistemi come strategie d’impresa. È pero facilmente constatabile che, mentre l’obiettivo qualità ha avuto molto successo, le tematiche ambientali e della sicurezza continuano ad essere applicate, non tanto per i vantaggi derivanti dall’applicazione delle normative e degli standard stessi, quanto piuttosto per rispettare i requisiti di legge.
Ciononostante, la compatibilità qualità-ambiente ha portato numerose aziende, già certificate ISO 9001, a mostrare interesse nei confronti delle tematiche concernenti l’ambiente. Mentre tale comunione è stata rafforzata dal concetto di sviluppo sostenibile, promosso dall’Agenda 21 della conferenza di Rio, in cui si mette in risalto la necessità di uno sviluppo economico nel rispetto della tutela per l’ambiente, altri concetti diventano vincenti. Così l’integrazione dei diversi sistemi viene presa in considerazione perché sta assumendo una notevole importanza in un contesto in cui, negli ultimi anni, le tendenze dominanti sono l’aumento sempre crescente della competitività e una tendenza sempre più marcata verso la globalizzazione; aspetti che possono essere affrontati e dominati meglio con un cambiamento a livello organizzativo, ma soprattutto attraverso un cambiamento di mentalità.
Il concetto di sistema integrato trae la sua origine dall’esigenza delle organizzazioni di snellire l’insieme procedurale dei loro sistemi di gestione attraverso l’accorpamento degli elementi comuni. Solo recentemente l’integrazione è diventata argomento di crescente interesse, per grandi, piccole e medie imprese, sulle quali maggiormente gravano costi e attività burocratiche per l’implementazione dei suddetti sistemi di gestione.
Quindi lo scopo di un sistema integrato è quello di contemplare tutti gli aspetti di un sistema di gestione per la qualità, uno per l’ambiente e uno per la sicurezza, soddisfacendo contemporaneamente i requisiti specificati dalle norme UNI EN ISO 9001:2000, UNI EN ISO 14001:1996 e dallo standard OHSAS 18001:1999.


Per illustrare il processo che porta all’integrazione, nel mio lavoro ho voluto presentare al primo capitolo i singoli sistemi per la gestione della qualità e dell’ambiente, oltre alle rispettive normative di riferimento, fondamentali per capirne l’applicazione.
In seguito, nella trattazione del secondo capitolo è stata presa in considerazione l’evoluzione di queste norme che, riflettendo i cambiamenti verificatesi a livello economico, hanno portato la necessità di integrare queste unità. L’esigenza descritta viene supportata dalla predisposizione della serie VISION 2000, che esprime l’intenzione di ISO di accogliere l’ottica dell’integrazione. Si è inoltre presa in considerazione l’introduzione dell’integrazione nelle realtà aziendali, le modalità attraverso cui viene condotta questa delicata operazione e la definizione e descrizione delle peculiarità dei sistemi di gestione integrati, per la qualità e per l’ambiente, contemperandone, anche, i rischi dovuti all’impiego di risorse e i vantaggi che possono conseguire alla loro implementazione.
Nel terzo capitolo ho introdotto la PONZIO SUD s.r.l., tracciandone brevemente le origini e inquadrandone l’attività, definendo la sua politica aziendale, ovviamente, in relazione ai collegamenti in materia di qualità che essa persegue e in riferimento all’importanza che essa attribuisce alle tematiche ambientali. Così la mia analisi è proseguita attraverso la certificazione dell’attività della PONZIO SUD, fino ad arrivare, nel quarto capitolo, a considerare il suo sistema integrato di gestione e il suo modus operandi attraverso importanti “piani di miglioramento”, sia per la qualità che per l’ambiente, definendo dettagliatamente le procedure, distinguendole per aree e unità strategiche, identificando le istruzioni operative per gli operatori e i documenti di registrazione di tali attività.



Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Lo scopo del lavoro che mi accingo a presentare è quello di fornire un illustrazione, chiara ai lettori, dell’organizzazione del sistema qualità e del sistema ambiente, della vasta produzione normativa riferita e della loro implementazione in un unico sistema (che si dice appunto integrato); il tutto considerato nello specifico riferimento di un’azienda che, ormai da più di cinquant’anni, opera efficacemente nella trasformazione dell’alluminio: la PONZIO SUD s.r.l.. A tutt’oggi i sistemi di gestione presenti nelle aziende sono quelli per la qualità, per l’ambiente e per la sicurezza. La diffusione di tali sistemi è stata sicuramente facilitata, dal sempre crescente legiferare su questa materia (nel rispetto del cliente e di un ambiente sempre più minato da attività spregiudicate e nocive per l’intero pianeta) e dalla possibilità, intravista dalle organizzazioni più lungimiranti, di sfruttare i sistemi come strategie d’impresa. È pero facilmente constatabile che, mentre l’obiettivo qualità ha avuto molto successo, le tematiche ambientali e della sicurezza continuano ad essere applicate, non tanto per i vantaggi derivanti dall’applicazione delle normative e degli standard stessi, quanto piuttosto per rispettare i requisiti di legge. Ciononostante, la compatibilità qualità-ambiente ha portato numerose aziende, già certificate ISO 9001, a mostrare interesse nei confronti delle tematiche concernenti l’ambiente. Mentre tale comunione è stata rafforzata dal concetto di sviluppo sostenibile, promosso dall’Agenda 21 della conferenza di Rio, in cui si mette in risalto la necessità di uno sviluppo economico nel rispetto della tutela per l’ambiente, altri concetti diventano vincenti. Così l’integrazione dei diversi sistemi viene presa in considerazione perché sta assumendo una notevole importanza in un contesto in cui, negli ultimi anni, le tendenze dominanti sono l’aumento sempre crescente della competitività e una tendenza sempre più marcata verso la globalizzazione; aspetti che possono essere affrontati e dominati meglio con un cambiamento a livello organizzativo, ma soprattutto attraverso un cambiamento di mentalità. Il concetto di sistema integrato trae la sua origine dall’esigenza delle organizzazioni di snellire l’insieme procedurale dei loro sistemi di gestione attraverso l’accorpamento degli elementi comuni. Solo recentemente l’integrazione è diventata argomento di crescente interesse, per grandi, piccole e medie imprese, sulle quali maggiormente gravano costi e attività burocratiche per l’implementazione dei suddetti sistemi di gestione.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Migliorati Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6196 click dal 22/06/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.