Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nuova disciplina delle acque in bottiglia

Nel mondo si producono e si consumano annualmente oltre 120 miliardi di litri di acqua confezionata. Con oltre 11 miliardi di litri prodotti nel 2002 l'italia è il più importante produttore europeo di acque confezionate. In Italia, fra le acque che per semplicità si sono definite acque "ad uso umano", vengono utilizzate principalmente quelle di acquedotto e quelle minerali; le acque di sorgente hanno iniziato da poco ad affacciarsi sul mercato. Con l'introduzione del decreto legislativo 31/2001 per quanto riguarda le acque potabili introduce in materia nella normativa italiana un numero notevole di innovazioni, sia di principio sia operative, destinate a incidere sulla gestione degli impianti di trattamento. Oltre al fatto non meno importante di permettere il confezionamento in bottiglie o contenitori con capacità superiori ai due litri. Nel caso di studio si è analizzato la presenza di fluoro nelle acque minerali naturali italiane. Questa raccolta di informazioni può contribuire a capire l'esposizione di alcune popolazioni ad apporti di fluoruro legati alla geologia del territorio e al fatto che in Italia non è disponibile una mappa dei fluoruri.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO L’ACQUA 1.1 Una risorsa naturale rinnovabile L’acqua è un liquido 11 composto da molecole di formula H 2 O, costituite da idrogeno e ossigeno. L'idea che l'acqua fosse un elemento semplice e primordiale prevalse fino alla metà del XVIII secolo, quando il chimico britannico Henry Cavendish riuscì a ottenere la sintesi del liquido provocando l'esplosione di una miscela di idrogeno e aria. Il significato e l'importanza dell'esperimento vennero del tutto compresi solo in un secondo tempo, grazie alle ricerche del chimico francese Antoine-Laurent Lavoisier il quale suggerì che l'acqua fosse un composto contenente idrogeno e ossigeno. Nel 1804 il chimico francese Joseph-Louis Gay-Lussac e il naturalista tedesco Alexander von Humboldt dimostrarono che essa è costituita da idrogeno e ossigeno nella proporzione di due volumi a uno, stabilendo quindi la formula H 2 O e con essa la vera natura del composto. Fig1 - molecola d’acqua- 11 Passannanti – Ponente “Principi di chimica”, Milano, 1995 pag. 350 ss.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gianluca Romano Contatta »

Composta da 233 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4504 click dal 17/06/2005.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.