Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pacificatori vs pacifisti: Azione Giovani e Giovani Comunisti a confronto

In un momento storico in cui gli eventi quotidiani mettono a dura prova la pazienza dell’uomo e la sua fiducia nel futuro, ci vuole coraggio a credere in un ideale.
Eppure, i giovani sono spesso presi come capro espiatorio: accusati di qualunquismo e disinteresse. Il mio sentire e la mia condizione di “imputata al banco d’accusa”, però, mi spingono a professare l’innocenza della mia generazione. Sento di dover cercare una spiegazione meno superficiale a questo luogo comune. Sono convinta, infatti, che il contadino raccolga sempre ciò che ha seminato: i giovani sono il frutto più puro di ciò che una società ha costruito. In una comprensibile situazione di sfiducia, a volte trasformata in apatia, stupisce, anzi, che ci sia ancora qualcuno disposto a lottare. Qualcosa, infatti, oggi sta cambiando. I giovani, alcuni, da soli o organizzati, riscoprono la possibilità di vivere in un mondo migliore, di essere persone migliori. Perché proprio ora? Qual è stato, se c’è stato, l’evento scatenante, e in che modo l’approccio dei giovani alla politica si è modificato? Il modo di intendere la partecipazione, sembra oggi mutato, e non necessariamente in direzione di un elevato disinteresse per la politica. Spesso avviene anche nei termini di un rifiuto dell’istituzione “partito”. Molti giovani non rigettano la politica, ma un certo modo di farla, e propongono un’alternativa. Se a livello istituzionale, destra e sinistra sono sempre più vicine, il dato generazionale inasprisce le diversità. A sinistra, si sceglie l’esperienza del movimento e dell’auto-rappresentazione. A destra, quella del partito isolato. Azione Giovani e i Giovani Comunisti rappresentano due emblematiche “scelte di vita politica”, due espressioni della partecipazione giovanile. La riflessione sui contenuti e le motivazioni del loro agire, può svilupparsi a partire dall’aspetto esteriore del linguaggio e della comunicazione politica.
La loro struttura profonda, infatti, si rivela attraverso l’analisi della struttura superficiale del discorso. Il processo inverso della decostruzione ripercorre a ritroso la costruzione di un sistema di significati, sulla base di un universo ideologico di riferimento. I simboli, le parole, le immagini possiedono una ricorsività che svela il modo in cui le identità si costruiscono. Così, le scelte comunicative si fanno indicatori delle posizioni ideologiche e della struttura organizzativa di Azione Giovani e Giovani Comunisti: due gruppi palesemente schierati su posizioni estreme, due esperienze politiche opposte, due percorsi identitari.

Mostra/Nascondi contenuto.
Maria Antonia Fama, Pacificatori vs Pacifisti, Azione Giovani e Giovani Comunisti confronto Introduzione In un momento storico in cui gli eventi quotidiani mettono a dura prova la pazienza dell uomo e la sua fiducia nel futuro, ci vuole coraggio a credere in un ideale. Eppure, i giovani sono spesso presi come capro espiatorio: accusati di qualunquismo e disinteresse. Il mio sentire e la mia condizione di imputata al banco d accusa , per , mi spingono a professare l innocenza della mia generazione. Sento di dover cercare una spiegazione meno superficiale a questo luogo comune. Sono convinta, infatti, che il contadino raccolga sempre ci che ha seminato: i giovani sono il frutto piø puro di ci che una societ ha costruito. In una comprensibile situazione di

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Maria Antonia Fama Contatta »

Composta da 391 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1407 click dal 08/07/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.