Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mito dell'Unione Sovietica attraverso l'ottica della stampa comunista italiana (1953-1960)

Il legame con l'Unione Sovietica costituì un elemento fondamentale nella fisionomia e nell'identità del Partito comunista italiano per tutta la sua storia. L'attaccamento affettivo all'Urss e a tutto ciò che essa simboleggiava era garantito dalla “scientificità” del marxismo, dalla espansione che sembrava irresistibile, dalla rivoluzione comunista, dalla fede compatta che animava i dirigenti e i militanti della sacro-santa causa della liberazione degli oppressi dal dominio del Capitale. Il presente studio, frutto di una ricerca sistematica condotta sulla stampa comunista italiana nel periodo che va dal 1953 al 1960, che ha portato ad esaminare seimilacinquecento articoli, si propone di analizzare il mito e l'immagine del “Paese dove per primo il socialismo si è realizzato” attraverso la pubblicistica del P.C.I..

Mostra/Nascondi contenuto.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gianluca Taccori Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1677 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.