Skip to content

Profili di organizzazione della Corte Costituzionale alla luce delle più recenti proposte di modifica

Informazioni tesi

  Autore: Laura Cardella
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Saulle Panizza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

Il presente lavoro si occupa dell’ingresso della Corte costituzionale nell’ordinamento repubblicano italiano ed il suo inserimento nell’assetto istituzionale alla luce dell’analisi di profili quali la composizione, lo status e le garanzie di indipendenza dell’organo. Al termine del secondo conflitto mondiale molti paesi europei hanno stilato una nuova costituzione, in cui la rigidità della carta fondamentale è garantita dagli eventuali attacchi da parte del legislatore ordinario o per opera dei vertici dello Stato, per mezzo di un nuovo organo. L’Assemblea costituente discute sull’eventualità di introdurre una Corte costituzionale e sui criteri di nomina dei relativi membri. La prima composizione viene completata nel novembre del 1955 e la prima sentenza risale al 5 giugno del 1956. Nel corso dei decenni l’attività della Corte ha registrato un notevole impatto sull’attività del legislatore, si è scontrata con la politica in senso lato, senza scadere sul piano polemico, ha dimostrato di essere uno dei pochi organi non toccati dalla crisi istituzionale o dai ritardi endemici della giustizia italiana. Ciononostante a partire dalle commissioni De Mita - Iotti e D’Alema prima, e dall’ultima legislatura poi, sono state presentate alcune proposte di modifica per aspetti riguardanti il criterio di nomina dei giudici costituzionali, lo status e le attribuzioni proprie dell’organo nel suo complesso. Il progetto di riforma di matrice governativa, approvato in prima lettura dal Parlamento, prevede l'inserimento di istanze regionalistiche nel circuito di nomina di parte dei giudici costituzionali.
La revisione della forma di Stato può implicare eventuali modifiche, che prevedano l'inserimento di istanze regionalistiche, ma questo non può prescindere dal rispetto della Costituzione in ogni sua parte, comprese le nuove norme che valorizzano l'autonomia regionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE All’indomani del secondo dopoguerra molti paesi europei hanno redatto una nuova Carta costituzionale, in cui - nel contesto di sostanziale ispirazione al principio di divisione dei poteri - hanno affiancato alla rigidità delle costituzioni la previsione di uno strumento in grado di garantirne il rispetto contro possibili attacchi da parte del legislatore ordinario o ad opera dei vertici dello Stato. Per poter parlare di giustizia costituzionale 1 è tuttavia necessario risalire alla seconda metà del XVIII secolo, allorquando si affermano le costituzioni rivoluzionarie nordamericana e francese. L’idea di un controllo di conformità sulle leggi rispetto ai principi contenuti nella Carta fondamentale si afferma a partire dal 1787 2 , anno in cui viene stilato il testo costituzionale statunitense. La matrice giusnaturalista della Costituzione nordamericana e l’affermazione di uno dei principi contenuti nell’Espit des Lois 3 , ovvero la separazione dei poteri statuali, non si traduce direttamente nel judicial review, ma occorre attendere l’attività della Corte Suprema affinché possa configurarsi il primo dei modelli costituzionali. A questo proposito la dottrina Marshall 4 sostiene che, essendo la Costituzione la legge suprema dello Stato ed immodificabile mediante mezzi ordinari, una legge 1 “La giustizia costituzionale consiste in un sistema diretto ad assicurare il rispetto della Costituzione da parte di altre fonti normative, in primis dalla legge ordinaria, nonché la conformità al dettato costituzionale dei comportamenti degli organi supremi dello Stato.” Tratto da E. MALFATTI, S. PANIZZA, R. ROMBOLI, Giustizia costituzionale, Torino, Giappichelli, 2003, pagg. 1-9. 2 Costituzione degli Stati Uniti d’America, 17 settembre 1787. 3 MONTESQUIEU, L’espit des lois, Paris, 1748. 4 1803, Caso Marbury v. Madison di fronte alla Corte Suprema, presieduta dal giudice Marshall; cfr. Parte II, 1. – Brevi riflessioni sulle trasformazioni del ruolo delle Corti costituzionali nello stato costituzionale di democrazia pluralistica- in Ruolo delle Corti costituzionali nelle odierne democrazie, Giornata di studio alla Corte costituzionale, 30 maggio 2003.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi