Skip to content

Sulla misurazione e gestione del rischio di credito negli istituti finanziari

Informazioni tesi

  Autore: Ferdinando Barbati
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Ivar Massabò
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

L’attuale fase di ristrutturazione del sistema creditizio accresce la centralità dell’attività di erogazione del credito, ma anche le incertezze e le insidie che questa attività comporta. Da un lato, infatti, le banche tradizionali scontano in misura sempre più marcata la concorrenza di altre categorie di intermediari nella gestione del risparmio e persino dei servizi di pagamento; di conseguenza, la concessione dei prestiti (in particolare a clientela di medie dimensioni) rimane forse l’unica area di business in cui il primato delle banche (forti di una conoscenza del tessuto economico locale non facilmente replicabile da parte di un outsider) non possa essere facilmente insidiato.
Dall’altro, la graduale crescita del ruolo del mercato dei capitali tra le fonti di finanziamento delle imprese porta con sè un rischio di “selezione avversa” negli attivi bancari: infatti, mano a mano che le imprese di dimensione medio grandi andranno conquistandosi la possibilità di negoziare azioni e debito direttamente presso i risparmiatori, il portafoglio crediti delle banche potrebbe polarizzarsi sulle imprese che il mercato non è in grado di valutare autonomamente, cioè le più piccole, le più rischiose, le meno trasparenti nel rappresentare le proprie strategie di crescita. Questi aspetti hanno fatto in modo che, negli ultimi anni, l’attenzione circa la gestione dei portafogli dei crediti delle banche si incentrasse verso nuovi sistemi di prevenzione del rischio di credito, sviluppando nuove tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito alternative a quelle utilizzate in passato per calcolare il rischio di mercato (duration e convexity) che si basassero oltre che su una stima monetaria del rischio su una quantificazione dell’esposizione globale di un soggetto (la banca) alle varie forme di rischio.
La prevenzione del rischio di credito determinatosi da queste nuove tecniche di gestione del rischio può avvenire a due distinti livelli. Da un lato, si tratta di intervenire sulle caratteristiche delle singole esposizioni per ridurre l’entità delle perdite che potrebbero scaturire da ognuna di esse. Dall’altro, è altresì necessario intervenire sulla struttura complessiva del portafoglio crediti della banca, per mantenerne sotto controllo il grado di diversificazione.
A livello di singolo prestito, la banca può tutelarsi contro le perdite future attraverso un’accorta selezione dei prenditori di fondi, così da isolare e respingere quelli contraddistinti da una più elevata probabilità di insolvenza; può inoltre strutturare la singola operazione di credito apponendo clausole accessorie o richiedendo garanzie che consentano di limitare le perdite anche in presenza di un dissesto del debitore; infine, nel caso di linee di credito revocabili, può ridurre l’esposizione a rischio in presenza dei primi segnali di deterioramento del merito creditizio della controparte. A livello di portafoglio, è necessario perseguire un’effettiva diversificazione del rischio ripartendo il credito tra controparti distinte e scarsamente correlate tra loro, ed è su questo secondo aspetto che si baserà il lavoro di tesi attraverso lo studio del modello del value at risk,VaR, che misura la massima perdita potenziale associata ad un portafoglio di attività finanziarie dato un livello di confidenza e un orizzonte temporale stabilito. La metodologia di gestione del rischio di credito non può ovviamente eliminare i rischi impliciti nell’attività di prestito, la cui presenza rappresenta, in ultima analisi, la stessa ragion d’essere dei banchieri. Tuttavia, deve mirare a dare una rappresentazione quanto più possibile precisa dei rischi impliciti nelle singole operazioni di prestito e nella struttura complessiva del portafoglio crediti.
In particolare, un buon modello di gestione del rischio di credito deve stimare la distribuzione delle perdite (o comunque delle minusvalenze) che potrebbero originare dai prestiti attualmente in essere, specificando le probabilità associate alle diverse previsioni (più o meno ottimistiche) di perdita. Lo scopo del VaR è proprio quello di fornire al trader e al risk manager una misura sintetica dei rischi di mercato che sono associati ad una certa posizione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione. L’attuale fase di ristrutturazione del sistema creditizio accresce la centralità dell’attività di erogazione del credito, ma anche le incertezze e le insidie che questa attività comporta. Da un lato, infatti, le banche tradizionali scontano in misura sempre più marcata la concorrenza di altre categorie di intermediari nella gestione del risparmio e persino dei servizi di pagamento; di conseguenza, la concessione dei prestiti (in particolare a clientela di medie dimensioni) rimane forse l’unica area di business in cui il primato delle banche (forti di una conoscenza del tessuto economico locale non facilmente replicabile da parte di un outsider) non possa essere facilmente insidiato. Dall’altro, la graduale crescita del ruolo del mercato dei capitali tra le fonti di finanziamento delle imprese porta con sè un rischio di “selezione avversa” negli attivi bancari: infatti, mano a mano che le imprese di dimensione medio grandi andranno conquistandosi la possibilità di negoziare azioni e debito direttamente presso i risparmiatori, il portafoglio crediti delle banche potrebbe polarizzarsi sulle imprese che il mercato non è in grado di valutare autonomamente, cioè le più piccole, le più rischiose, le meno trasparenti nel rappresentare le proprie strategie di crescita.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

basilea 2
cmo
credit derivatives
credit var
cvar
ea
ead
lgd
mbs
montecarlo
nuovo accordo di basilea
rating interni
richio di mercato
rischio controparte
rischio di credito
rmbs
value at risk
var
var parametrico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi