Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalla catena del valore reale alla catena del valore virtuale

Il modello della catena del valore di Porter ha dominato la strategia d’impresa fino al decennio scorso. Negli ultimi anni, grazie ad un mutato contesto socio-economico, si sono affermati nuovi modelli per l’analisi e la creazione del valore.
Le catene del valore oggi, hanno una durata molto limitata e sono soggetti ad innovazioni e cambiamenti più velocemente che nel passato.
L’oggetto del seguente elaborato è scoprire quali sono state le evoluzioni della catena del valore, a partire dalla nota descrizione che ne fece Porter.
Nella situazione dell’economia digitale si viene a verificare una possibile trasformazione della catena del valore tradizionale. Si può verificare la dissociazione dei processi fisici dalla conoscenza. Alla catena del valore esistente, si affianca un’altra catena caratterizzata dalla natura digitale, virtuale e conoscitiva.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il modello della catena del valore di Porter ha dominato la strategia d’impresa fino al decennio scorso. Negli ultimi anni, grazie ad un mutato contesto socio- economico, si sono affermati nuovi modelli per l’analisi e la creazione del valore. Le catene del valore oggi, hanno una durata molto limitata e sono soggetti ad innovazioni e cambiamenti più velocemente che nel passato. L’oggetto del seguente elaborato è scoprire quali sono state le evoluzioni della catena del valore, a partire dalla nota descrizione che ne fece Porter. Nel primo capitolo si è data un’idea della catena del valore cosi come la intendeva Porter, ossia un metodo d’analisi per esaminare tutte le attività che svolge un’azienda, al fine di scoprire le fonti del vantaggio competitivo. Il merito di questo autore risiede nell’aver fornito una metodologia, una rappresentazione, e un modello che ha avuto enorme successo e che ancora oggi si pone come punto fermo per la rappresentazione di modelli strategici. Il secondo capitolo affronta l’impatto che le tecnologie della comunicazione e dell’informazione hanno avuto sui processi produttivi, sulla strategia, sui modelli di business e ovviamente sulla catena del valore. Secondo la visione di Porter, le Information and communication technologies hanno un ruolo strategico, nel senso che aiutano l’impresa a perseguire una tra le note alternative strategiche di costo, differenziazione o focalizzazione. Secondo opinioni più recenti le Ict possono innovare la strategia d’impresa generando nuovi vantaggi competitivi e portando effetti che mettono in crisi gli schemi tradizionali dell’analisi strategica. Nel caso dell’economia tradizionale vale la logica dell’organizzazione del ciclo produttivo già descritto a proposito della catena del valore. La catena del valore consta di una successione di fasi in cui si ha la fusione di processi fisici e

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dell'Economia

Autore: Andrea Luca Muttoni Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7948 click dal 21/07/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.