Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Finanziamenti alle piccole e medie imprese

Si analizza come le imprese giungono alla utilizzazione delle venture capital, del private equity e della quotazione in Borsa per poter reperire le risorse per avviare la propria attività.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Agli inizi degli anni Ottanta, con il termine venture capital si definiva l'apporto di capitale azionario, o la sottoscrizione di titoli convertibili in azioni, da parte di operatori specializzati, in un'ottica temporale di medio/lungo termine, effettuato nei confronti di imprese non quotate e con elevato potenziale di sviluppo in termini di nuovi prodotti o servizi, nuove tecnologie, nuove concezioni di mercato. Nell'ambito di tale definizione, la partecipazione veniva generalmente intesa come temporanea, minoritaria e finalizzata, attraverso il contributo congiunto di know how non solo finanziario, allo sviluppo dell'impresa, all'aumento del suo valore ed alla possibilità di realizzazione di un elevato capital gain in sede di dismissione. Nel corso degli anni, pur rimanendo invariati i presupposti di fondo, le caratteristiche dell'attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio sono mutate, diversificandosi in funzione del sistema imprenditoriale di riferimento e del grado di sviluppo dei diversi mercati e offrendo, oggi, una più variegata gamma di possibilità di intervento. Di fatto, il comune denominatore rimane l'acquisizione di partecipazioni significative in imprese, in ottica di medio/lungo termine, e il conseguente obiettivo di sviluppo finalizzato al raggiungimento di una plusvalenza sulla vendita delle azioni, ma la presenza delle ulteriori caratteristiche ha assunto connotati molto variabili. Sul fronte prettamente terminologico, oggi, secondo la prassi più diffusa negli USA, l'attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio, definita nella sua globalità attività di private equity, viene suddivisa, in funzione della tipologia di operatore che la pone in essere, tra venture capital e operazioni di buy out All'interno dell'attività svolta dai venture capital funds è possibile individuare due sotto classi, che identificano, a loro volta, numerose tipologie di investimenti. Si parla, infatti, di early stage financing per indicare il

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michele Rustignoli Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10951 click dal 22/07/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.