Skip to content

Catastrofe antropica e catastrofi naturali. La teoria delle estinzioni di massa.

Informazioni tesi

  Autore: Elena Aili
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Telmo Pievani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 179

La Terra ha circa 4 miliardi e mezzo di anni, ma la vita su questo nostro pianeta esiste da circa 3 miliardi e mezzo. La morte di intere specie è una realtà crudele che ha caratterizzato da sempre la vita. La maggior parte delle specie nate nel mondo, ossia il 99,9 %, si è estinto.
David Jablonsky ha distinto nettamente due tipi di estinzioni:
1) le estinzioni di fondo- considerate il normale ricambio delle specie viventi sul pianeta, prodotto da cause locali e selettive, Raup le chiama “inevitabile aspetto della storia della vita”
2) le estinzioni di massa - qualitativamente differenti dalle prime, colpiscono a caso e su grandi numeri, fanno il vuoto nella biosfera. Tra queste possiamo distinguere quelle: Regionali: hanno effetti devastanti, Planetarie: hanno effetti più distruttivi e rilevanti.
Il cammino della biodiversità è stato scandito da almeno cinque grandi periodi di crisi.
Secondo gli esperti il tasso medio di estinzione è oggi dalle 1000 alle 10 mila volte più rapido rispetto alla media degli ultimi 60 milioni di anni. Ed è per questo motivo che si parla di una possibile sesta estinzione di massa, causata da una specie distruttiva come la nostra: L’ Homo Sapiens. La biodiversità non deve essere conservata e protetta solamente per interesse della natura stessa, ma anche e soprattutto per il nostro: la salute degli umani, la nostra stessa sopravvivenza dipende da numerosi organismi, a cui purtroppo molto spesso siamo scarsamente riconoscenti.Secondo James Lovelock e Lynn Margulis (1972) le dieci milioni di specie (o più) viventi sulla Terra interagiscono fra di loro come se si trovassero in una grande rete, con reciproci impulsi. L'idea è di considerare il pianeta un unico organismo vivente, in cui tutti gli organismi coesistono e interagiscono come cellule, dando il loro contributo per mantenere un costante equilibrio, assicurando la vita. A questo organismo vivente Lovelock ha dato il nome mitologico di Gaia. La capacità dell’Homo Sapiens di distruggere e infliggere devastazioni, afferma Richard Leakey, non è una caratteristica dell’uomo moderno, ma ci contraddistingue da sempre.
L’atteggiamento egoistico ed egocentrico dell’uomo deriva dalla sua illusione di essere la specie “eletta”, dalla convinzione che le Terra sia stata creata come luogo a lui “dedicato”, a sua completa disposizione, ambiente creato “ad hoc” per la sopravvivenza e la sua prolificazione.
Lo scopo del naturalista, per lungo tempo, è stato conoscere l’ordine naturale eterno ed immutabile; dominava la visione essenzialista, che concepiva la varietà di organismi viventi come il riflesso di un numero limitato di EIDE, essenze astoriche I primi indizi sulla incongruenza delle teorie di quei tempi giunsero innanzitutto con la scoperta dei primi fossili, del tempo profondo della Terra da parte dei geologi.La pubblicazione dell’ Origine delle specie di Darwin incendiò polemiche e aspre discussioni. Egli è considerato il fondatore dell’evoluzionismo. Aveva capito, che le variazioni sono in parte ereditabili, e che possono essere trasmesse alle generazioni successive. Charles Darwin adottò una idea fondamentale del teorico della popolazione Thomas Malthus, ma il famoso biologo estese il concetto alle specie biologiche: nascono più individui di quanti possano sopravvivere e riprodursi, e date le condizioni di limiti e di spazio, i portatori di caratteristiche “migliori” resistono e lasciano le loro caratteristiche vincenti ai successori. Questa sopravvivenza differenziale costituisce un processo di selezione naturale che, accumulatosi generazione dopo generazione, produce un cambiamento lento e continuo nelle popolazioni naturali. Il risultato di tutto ciò è l’evoluzione. E. Mayr è stato colui che ha introdotto, all’interno di questa compatta ideologia, un modo nuovo di osservare i fatti, introducendo il tema della discontinuità evolutiva; aveva osservato che gli episodi di speciazione si verificavano in seguito a fenomeni peculiari climatici o geografici, chiamati dall’ornitologo “speciazione allopatrica” Niles Eldredge e Stephen J. Gould esposero nel 1972 la teoria degli equilibri punteggiati secondo cui la storia evolutiva sarebbe stata segnata da pochi, grandi sconvolgimenti, dettati da improvvise modificazioni ambientali, che avrebbero portato determinate specie ad avere la meglio sulle altre, in maniera talvolta anche casuale. Hanno dimostrato che la vita sulla terra si è evoluta seguendo un percorso a ostacoli. Hanno accertato che la stasi è la condizione a cui tendono le specie a riproduzione sessuata. Il ruolo della contingenza è determinante, il risultato finale non può essere predetto dal principio, si ipotizza in effetti che la sopravvivenza è una lotteria, non è più considerata come the survival of the fittest, ma the survival of the luckiest.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Atlantide, l’isola da non dimenticare "Da sempre si sono ripetute delle catastrofi [...] e ce ne saranno sempre anche in futuro, le più gravi per causa di acqua e di fuoco. Un tempo [...] al di là di quello stretto che voi chiamate le "Colonne d'Ercole" si trovava un isola, più grande dell'Asia e della Libia messe insieme, e da essa si poteva passare ad altre isole e da queste alla terraferma di fronte. [...] Quest'isola di nome Atlantide [...], nel giro di un giorno e di una notte terribili, scomparve negli abissi". Platone Nel Timeo e nel Crizia Platone riporta una triste storia tramandata da Solone, politico greco, il quale, duecento anni prima, l'aveva appresa a sua volta da sacerdoti egizi, che gli avevano raccontato la misteriosa scomparsa di un’isola, con una civiltà estremamente progredita, avvenuta ben dodici mila anni prima. Questo misterioso popolo aveva una catena montuosa con un picco considerato tra i più elevati del mondo antico e una pianura estesa ricca di minerali e metalli preziosi. Possedeva anche una vegetazione rigogliosa, con ogni genere di alberi, fiori e ogni sorta di frutti. Nel mezzo di una valle sorgeva la spettacolare capitale, chiamata Atlantide, con splendidi edifici, monumenti, palazzi, templi, canali per l’irrigazione, ponti e persino strade asfaltate. La monarchia che governava l’isola aveva grandi mire espansionistiche e aveva già occupato gran parte dell’Europa e dell’Africa. Mentre combatteva un’aspra guerra contro Atene, che cercava in ogni modo di arginare il suo potere, accadde un evento catastrofico che la fece abissare e travolse lo stesso esercito greco. Da decine di anni, scrive il «Newton», innumerevoli studiosi sono impegnati nella ricerca della civiltà scomparsa; fino a oggi sono più di 25.000 i libri pubblicati nei quali si cerca di decifrare questo mistero, e chiarire quale causa catastrofica ne abbia provocato la scomparsa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alvarez
catastrofe
contingenza
darwin
discontinuità evolutiva
eldredge
equilibri punteggiati
gould
limite kt
sesta estinzione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi