Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione della disciplina del lavoro part-time: obiettivi ed effetti della legge Biagi

Il presente lavoro si propone di mettere a fuoco le principali novità che la legge Biagi e il decreto legislativo n. 66/2003 hanno introdotto nel mercato del lavoro e di valutare gli effetti che tali riforme hanno determinato.
Nel primo capitolo partendo dall’evoluzione del mercato del lavoro in Italia dagli anni 60’ ad oggi, analizzando le principali riforme che nel corso degli anni hanno regolamentato tale settore, si è giunti all’attuale riforma Biagi di cui abbiamo messo in evidenza l’iter legislativo, gli obiettivi e le finalità che tale legge si propone di raggiungere.
Nel secondo capitolo abbiamo analizzato nello specifico una particolare forma di contratto atipico ovvero il lavoro part-time, seguendo l’evoluzione che nel tempo tale forma di lavoro ha avuto mettendo in evidenza la normativa comunitaria 97/81/CE e le peculiarità della legge Biagi in materia messe a confronto con la vecchia disciplina in particolare con i decreti legislativi n. 61/2000 e 100/2001.
Nel terzo capitolo, infine, si è messo a fuoco la nuova disciplina dell’orario di lavoro regolata dal decreto legislativo n. 66/2003 in tema di orario settimanale, riposo, pause e ferie e lavoro straordinario. Si è dato, poi, risalto alla disciplina del lavoro notturno con particolare riferimento al decreto legislativo n. 532/1999 e alle novità introdotte dal decreto legislativo n. 66/2003; alle principali regole vigenti in materia di lavoro notturno in alcuni paesi europei; al lavoro notturno per le donne e alle cause che questo può provocare e i dati sul lavoro notturno presenti nel territorio nazionale e europeo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il presente lavoro si propone di mettere a fuoco le principali novità che la legge Biagi e il decreto legislativo n. 66/2003 hanno introdotto nel mercato del lavoro e di valutare gli effetti che tali riforme hanno determinato. La legge Biagi, infatti, ha innovato il mercato del lavoro introducendo nuove tipologie di contratti di lavoro, modificando quelle già esistenti e sancendo di fatto la fine del monopolio del collocamento pubblico, affiancato ora da quello privato. Il decreto legislativo n. 66/2003, invece, ha riorganizzato la disciplina italiana dell’orario di lavoro in attuazione delle direttive comunitarie 93/104/CE e 2000/34/CE, regolamentando in modo uniforme su tutto il territorio nazionale gli orari di lavoro. Nel primo capitolo partendo dall’evoluzione del mercato del lavoro in Italia dagli anni 60’ ad oggi, analizzando le principali riforme che nel corso degli anni hanno regolamentato tale settore, si è giunti all’attuale riforma Biagi di cui abbiamo messo in evidenza

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Dongarrà Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12207 click dal 02/08/2005.

 

Consultata integralmente 52 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.