Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Una strega post-moderna: analisi di un racconto di cronaca

Argomento principale è la costruzione giornalistica e mass mediatica dell'evento di Novi Ligure. La figura di Erika De Nardo e la sua risemantizzazione attraverso il racconto di cronaca..

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Non passa giorno in cui un quotidiano o la televisione non ci avvertono che "un ragazzo di buona famiglia", ha compiuto questo o quel raccapricciante misfatto. Il caso di Novi Ligure è l'ultimo eclatante omicidio, di una lista lunghissima di cui i giornali non mancano mai di parlare ed inserire in un particolare quadro sociale che possa individuarne le motivazioni. Protagonisti principali sono sempre i figli, per lo più minorenni, che si fanno carico della tremenda accusa di omicidio o, peggio ancora, di parricidio: è vero infatti, che tra le coltellate selvagge inferte da Erika De Nardo (figlia) ai suoi familiari (madre e fratello) e l'assassinio efferato di una studentessa compiuto per mano delle sue due migliori amiche, che tutti ricorderanno, la differenza è minima. E' ben noto quanto la lista quotidiana della cronaca orribile sia incredibilmente lunga, si potrebbero citare i casi di Maso, il giovane parricida di Verona, quelli di Doretta Graneris, omicida insieme al ragazzo, della madre di lei, e dei molti altri ragazzi che hanno continuato la vita di tutti i giorni come se nulla fosse accaduto.

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Elena Mazzei Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4991 click dal 04/08/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.