Skip to content

Ipotesi speciali di confisca con particolare riguardo a quelle in tema di criminalità organizzata

Informazioni tesi

  Autore: Anna Maria Liconti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Loreto D'ambrosio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 255

Negli ultimi anni, in presenza dell’assoluta necessità di disarticolare il crimine organizzato, l’istituto della confisca è stato oggetto di un rinnovato interesse sia in ambito nazionale che in quello internazionale.
Tale istituto infatti permetterebbe di colpire il “cuore” della criminalità organizzata - i proventi illeciti – “scopo” dei reati ma al contempo “mezzo” di sostentamento ed espansione dell’attività criminosa stessa .
Ciò ha portato il legislatore (italiano ed internazionale) a prevedere molteplici ipotesi di confisca “speciale” (cd. “modello moderno”) che si “affiancano” alla confisca “ordinaria” (cd. “modello classico”) prevista appunto dal nostro codice penale, ritenuta assolutamente inadeguata di fronte alla necessità di fronteggiare e reprimere il crimine organizzato.
Già negli anni ’50 in Europa fu proprio il nostro legislatore a riconoscere per primo l’attualità della confisca nell’ambito della lotta contro la criminalità organizzata, riconoscimento fondato sulla necessità di ricorrere a “un sistema di intervento parallelo e più duttile, da utilizzare come scorciatoia per sfuggire alle strettoie probatorie del processo penale” .
E se questo da un lato ha appunto permesso di modellare gli interventi legislativi per il raggiungimento del fine suddetto – dalla disciplina della confisca nelle leggi antimafia alla disciplina della confisca in materia di stupefacenti, contrabbando, riciclaggio, corruzione - dall’altro ha prestato il fianco a questioni considerevoli quali l’inquadramento della confisca, rectius, l’individuazione della sua natura giuridica (problema dato dal fatto che la confisca assumerebbe differenti funzioni – repressiva, preventiva, sanzionatoria - in relazione ai diversi ambiti di applicazione), le potenziali incompatibilità di essa con le disposizioni costituzionali, le difficoltà di coordinamento fra le varie figure speciali dell’istituto e sull’eventuale necessità di misure alternative ad essa.
La trattazione che seguirà si propone dunque di tracciare le linee essenziali dell’istituto, la sua evoluzione, parallela all’evolversi del fenomeno del crimine organizzato, e le prospettive di riforma, sia in ambito internazionale, che in ambito nazionale (facendo riferimento in relazione a quest’ultimo punto ai progetti di riforma della confisca codicistica, nell’ambito della più ampia riforma del codice penale, fino al progetto di riforma oggi in atto da parte della Commissione Nordio).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione – il rinnovato interesse per la confisca. Negli ultimi anni, in presenza dell’assoluta necessità di disarticolare il crimine organizzato, l’istituto della confisca è stato oggetto di un rinnovato interesse sia in ambito nazionale che in quello internazionale. Tale istituto infatti permetterebbe di colpire il “cuore” della criminalità organizzata - i proventi illeciti – “scopo” dei reati ma al contempo “mezzo” di sostentamento ed espansione dell’attività criminosa stessa 1 . Ciò ha portato il legislatore (italiano ed internazionale) a prevedere molteplici ipotesi di confisca “speciale” (cd. 1 La criminalità col tempo si è evoluta, passando da classici comportamenti violenti, quale ad esempio l’uso della forza intimidatrice – connotato tipicizzato dal nostro legislatore (art. 416 bis c.p.) - a comportamenti di abuso sempre meno evidenti, in seguito alla penetrazione della criminalità organizzata in ambito economico, mediante il riciclaggio di capitali illeciti conseguiti mediante reati tra cui sequestri di persona a scopo di estorsione e usura in seguito reinvestiti in altre “più redditizie” attività illecite tra le quali traffico di stupefacenti e tratta di persone, per essere infine immessi nel circuito legale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi