Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le misure di salvaguardia ed il libero scambio di beni: il caso Cina.

L’espressione “clausole di salvaguardia” indica le disposizioni, comunemente inserite nei moderni trattati di materia economica, che permettono agli Stati contraenti di sospendere temporaneamente l’adempimento di alcuni obblighi convenzionali, al fin di salvaguardare particolari interessi nazionali.
Suddette clausole consentono una temporanea e parziale liberazione da vincoli pattizi, consentono quindi, in maniera più implicita, di modulare il grado di vincolatività degli obblighi in funzione di particolari condizioni economiche.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Premessa L’espressione “clausole di salvaguardia” indica le disposizioni, comunemente inserite nei moderni trattati di materia economica, che permettono agli Stati contraenti di sospendere temporaneamente l’adempimento di alcuni obblighi convenzionali, al fin di salvaguardare particolari interessi nazionali. Suddette clausole consentono una temporanea e parziale liberazione da vincoli pattizi, consentono quindi, in maniera più implicita, di modulare il grado di vincolatività degli obblighi in funzione di particolari condizioni economiche. Di facile portata è il riferimento all’attuale situazione economica recessiva dell’Italia, che deve fronteggiare l’ingresso nel mercato di prodotti a bassissimo costo, spesso molto al di sotto di quello che è considerato fair – per la prima volta esiste un concetto di fair trade – e nel contempo deve sostenere costi sociali e strutturali molto alti. In questo contesto, la WTO – World Trade Organization – da sempre molto impegnata nell’abbattimento delle tariffe e dei dazi doganali, vede diffondere l’uso di strumenti di difesa commerciale da parte degli Stati Membri sviluppati, fra questi le misure anti- dumping, fenomeno che indica l’importazione a prezzi più bassi dei costi di produzione nel paese che importa, concetto figlio del fair trade. Dall’altra parte del muro, la Cina attualmente è la terza economia del mondo dopo gli USA e il Giappone ed è il sesto partner commerciale degli USA passando da un’economia quasi autarchica

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Portacolone Contatta »

Composta da 217 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3662 click dal 14/09/2005.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.