Skip to content

Risorse pubbliche e Diritti: l'ottima applicazione degli standard legislativi

Informazioni tesi

  Autore: Emilia De Rosa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Giovanni Immordino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

Economia criminale (economic theory of criminal behaviour) è il nome coniato negli anni Settanta in innovativi studi svolti dall’illustre economista americano Gary Becker [1968].
Lungo le orme dell’imposizione metodologica beckeriana, si sono sviluppati una serie di studi teoretici ed empirici, che hanno arricchito la letteratura economica del crimine.
Tutti gli studi, comunque, partono dall’assunto (elaborato da Becker) che alla base della decisione di intraprendere un crimine ci sia un forte elemento di calcolo, perciò l’atto criminale viene visto come il risultato di una decisione individuale basata su un’analisi costo-beneficio, in cui il “prezzo” del crimine gioca un ruolo rilevante
In questo lavoro, individuate, in primis, le caratteristiche salienti della riflessione beckeriana, si analizzerà il mercato del crimine per poi trattare quelle che per Becker sono le politiche pubbliche repressive ottimali, capaci di minimizzare i danni e i costi sociali derivabili dalla trasgressione della legge. Si studierà, poi nella seconda parte, in che modo lo Stato, incaricato di tutelare i diritti dei cittadini e di far rispettare le leggi, riesca a svolgere tale compito.
Il sistema economico, in quanto dominato da fenomeni quali asimmetrie informative e pericoli di monopolio, è soggetto a fallimenti di mercato; di qui sorge la necessità che lo Stato regoli i vari settori economici ed imponga degli standard legislativi che assicurino ai cittadini almeno la tutela minima dei diritti generalmente riconosciuti.
Ovviamente, tale compito non è né facile, né privo di costi, in quanto, lo Stato, agisce proprio come tutti gli altri operatori economici razionali, che prendono delle decisioni e sono sottoposti ad un vincolo di bilancio.
Dal momento che le risorse raccolte dallo Stato, provengono dall’imposizione fiscale, si giunge alla conclusione che le libertà individuali dipendono strettamente dalla vigorosa azione del governo diretta a tassare e a spendere e, cioè, dalla sua capacità di allocare efficientemente le risorse scarse a disposizione.
Tuttavia, bisogna osservare, che siccome l’attività svolta dallo Stato si presenta discrezionale, non è detto che esso abbia sempre l’obiettivo di massimizzare il benessere della società. Attraverso un modello teorico, infatti, si analizzeranno le implicazioni, da un punto di vista microeconomico, del caso in cui il governo risulta benevolo, rispetto ad una situazione in cui i funzionari pubblici sono corruttibili, oppure è lo stesso governo ad essere “egoista”.
L’analisi si conclude con un’applicazione empirica avente ad oggetto gli standard ambientali; essa verifica le relazioni emerse dal modello formale. Tali relazioni, come sarà possibile osservare, si dimostrano abbastanza stabili.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1Università degli Studi di Salerno Tesi in Economia dell’Informazione e delle Reti Risorse Pubbliche e Diritti: l’Ottima Applicazione degli Standard Legislativi Candidata Relatore Emilia De Rosa Prof. G. Immordino

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

allocazione scarsa delle risorse
asimmetrie informative
costo sociale del crimine
economia criminale
gary becker
il prezzo del crimine
la corruzione dei funzionari pubblici
la libertà dipende dalle tasse
letteratura economica del crimine
tutela minima dei diritti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi