Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Transizione democratica e disgregazione nazionale: i rapporti centro-periferia in URSS, Iugoslavia e Cecoslovacchia

Oggetto di questa nostra ricerca sono i fenomeni disgregativi e i conflitti centro‑periferia che hanno marcato le recenti transizioni in Unione Sovietica, Iugoslavia e Cecoslovacchia. Nel trattare di questi paesi, prendiamo in considerazione tutti e soli i casi in cui si è avuto un assetto istituzionale di tipo etnofederale, una transizione da un regime socialista e un esito disgregativo di tale transizione. Comparando questi tre casi analizziamo, in particolare, il diverso grado di mobilitazione violenta da cui sono stati caratterizzati i processi disgregativi.
Sistemi federali basati su una divisione etnica del territorio, politiche delle nazionalità volte a salvaguardare le specificità culturali dei diversi gruppi etnici, la creazione di quadri locali nelle periferie di queste federazioni (per citare solo alcune delle più importanti tra le politiche che sono state adottate dai regimi socialisti nel gestire la diversità etnica) hanno verosimilmente creato alcune precondizioni per lo sviluppo di sentimenti nazionali che, nei casi più estremi, prima di tali politiche neppure esistevano. In che misura la strada seguita da questi paesi durante la fase di transizione si è differenziata e in che misura ha giocato un qualche ruolo nel definire le modalità violente o meno dei processi disgregativi?
La regolarità che emerge nell’ambito dei casi trattati è che transizioni iniziate come liberalizzazioni promosse dalle élite autoritarie o post‑totalitarie, maggiormente discontinue, più lente e caratterizzate da una maggiore polarizzazione centro‑periferia (vale a dire da una maggiore sovrapposizione tra il cleavage che divide a livello di élite politiche hard-liners e soft-liners e il cleavage centro-periferia), danno origine a disgregazioni in generale più violente.

Mostra/Nascondi contenuto.
UNIVERSITÀ COMMERCIALE LUIGI BOCCONI Corso di Laurea in Economia Politica TRANSIZIONE DEMOCRATICA E DISGREGAZIONE NAZIONALE; I RAPPORTI CENTRO-PERIFERIA IN URSS, IUGOSLAVIA E CECOSLOVACCHIA Relatore: Chiar. mo Prof. Luca LANZALACO Correlatore: Chiar. mo Prof. Alessandro COLOMBO OMER FISHER Matricola n. 648733 Anno Accademico 1997-1998

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Omer Fisher Contatta »

Composta da 258 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1305 click dal 17/03/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.