Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nazim Hikmet: un uomo e un poeta in continua evoluzione

I libri di Hikmet sono ora acquistabili in Turchia, le sue poesie sono diventate canzoni pop e i suoi discorsi registrati in prigione sono disponibili su cd. E’ in atto una campagna per riportare le spoglie del poeta in Turchia, (egli stesso aveva espresso, in una sua poesia, il desiderio di essere sepolto in Anatolia) benché questo rimanga ancora un tema abbastanza controverso, come anche la grande campagna per ridare a Nazım la cittadinanza turca. I suoi sostenitori precisano il fatto che Hikmet fu un grandissimo celebratore della storia del suo Paese, il creatore di un linguaggio letterario moderno sempre più vicino al turco parlato, un poeta nazionale, nonché l’unico poeta turco internazionale. Il suo lavoro è stato tradotto in oltre cinquanta lingue. Sembra quasi ironico che non lo si possa considerare appieno un cittadino turco. Un passo positivo è stato fatto con l’inclusione di alcune sue poesie nei libri scolastici, nei quali, fino a solo pochi anni fa, era vietato anche solo nominare Nazım Hikmet.
Oggi chiunque, anche ad Ankara, anche fra i militari, celebra il grande poeta Hikmet.
Malgrado le innumerevoli difficoltà che ha dovuto sopportare, Hikmet ha resistito e non ha mai perso la sua fede e il suo amore per il mondo, né il suo grande sogno di giustizia sociale e si è sempre fieramente proclamato un “Figlio del XX secolo”.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Autobiografia Sono nato nel 1902 non sono più tornato nella città natale non amo i ritorni indietro quando avevo tre anni abitavo Alep con mio nonno pascià a 19 anni studiavo a Mosca all’università comunista a 49 ero a Mosca di nuovo ospite del comitato centrale del partito comunista e dall’età di 14 anni faccio il poeta alcuni conoscon bene le varie specie delle piante altri quelle dei pesci io conosco le separazioni alcuni enumerano a memoria i nomi delle stelle io delle nostalgie ho dormito in prigioni e anche in alberghi di lusso ho sofferto la fame compreso lo sciopero della fame e non c’è quasi pietanza che non abbia assaggiata quando avevo trent’anni hanno chiesto la mia impiccagione

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Serena Fiorentino Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3685 click dal 20/09/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.