Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La funzione educativa della ludoteca negli ospedali

L'importanza della ludoteca in ospedale.La fabbrica del sorriso può aiutare i bambini che sono in ospedale e le loro famiglie a superare le difficoltà dell'opedalizzazione.L'autrice in questo suo lavoro con la sua gioia e la sua allegria ha dato colore ad un ambiente normalemente considerato grigio e pauroso

Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Questa tesi nasce con lo scopo di focalizzare l’attenzione di come la Pedagogia Speciale abbia rivolto il suo interesse sull’ importanza di una qualsiasi forma ludica durante le lunghe degenze ospedaliere, a cui spesso i bambini sono sottoposti, e di come anche le attività ludiche si relazionino nei confronti di bambini portatori di handicap. La ludoteca ospedaliera, che si avvicina al bambino degente, si impegna per far sì che il periodo del ricovero e dell’intervento chirurgico si trasformi da momento di sofferenza, dove i bambini sono costretti tutti i giorni a fare i conti con la propria malattia, in un momento ludico rendendo l’ospedalizzazione un mondo fiabesco che coinvolge ed accompagna il bambino per tutto l’arco del ricovero. In questo modo il fanciullo, quando abbandonerà l’ospedale, probabilmente, non lo farà con emozioni negative ma ne uscirà con un Io più rinforzato e sereno. E’ diverso tempo oramai che molti ospedali sono diventate delle vere e proprie “fabbriche del sorriso”, in grado di animare il periodo di ricovero che per un individuo in giovane età potrebbe risultare ulteriormente noioso e pesante. Qui i bambini diventano protagonisti indiscussi di attività ludiche che

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Alessia Iorio Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9441 click dal 15/09/2005.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.