Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo di tecniche per il trasporto di traffico satellitare multimediale in ambiente TCP/IP ed ATM

Questa tesi si propone di sviluppare e analizzare alcune tecniche per il trasporto di traffico di natura multimediale via satellite. La scelta nell'uso del TCP/IP è motivata dalla sua straordinaria diffusione, essendo il protocollo adottato da Internet. L'ATM riveste, invece, un ruolo sempre più importante nella trasmissione di traffico multimediale nei collegamenti a larga banda, grazie alle sue caratteristiche intrinseche che lo rendono particolarmente indicato per questo compito. L'utilizzo di un sistema di comunicazione satellitare permette la distribuzione dei servizi su vaste zone geografiche prive di strutture, presentando una notevole flessibilità nell'allocazione della banda. Quest'ultima caratteristica in particolare si adatta perfettamente alle potenzialità dell'ATM, che fornisce risorse su richiesta secondo il tipo di servizio. Un primo sistema prevede l'uso di un canale satellitare sfruttando TCP/IP e DVB-S. Lo scopo del lavoro è quello di determinare l'entità di eventuali benefici introdotti da alcune modifiche al controllo di flusso del TCP. A tal fine sono state paragonate le prestazioni del sistema in termini di ritardo ed utilizzazione delle risorse di rete.
Il secondo sistema proposto sfrutta le potenzialità dell'ATM per il trasporto di traffico multimediale. In particolare, è stato studiato l'interworking tra il controllo di flusso del TCP e quello dell'ATM, proponendo diverse modifiche e analizzandone le prestazioni.
E' stato proposto, inoltre, l'uso di un canale di ritorno terrestre tramite rete ISDN, sfruttando così i benefici di un ridotto Round Trip Time.

Mostra/Nascondi contenuto.
V Introduzione Questa tesi si propone di sviluppare e analizzare alcune tecniche per il trasporto di traffico di natura multimediale via satellite. Nei primi capitoli sono riassunte brevemente le caratteristiche dei protocolli usati (TCP/IP e ATM), con particolare attenzione agli aspetti significativi per lo sviluppo della tesi. La scelta nell’uso del TCP/IP è motivata dalla sua straordinaria diffusione, essendo il protocollo adottato da Internet. L’ATM riveste, invece, un ruolo sempre più importante nella trasmissione di traffico multimediale nei collegamenti a larga banda, grazie alle sue caratteristiche intrinseche che lo rendono particolarmente indicato per questo compito. L’utilizzo di un sistema di comunicazione satellitare permette la distribuzione dei servizi su vaste zone geografiche prive di strutture, presentando una notevole flessibilità nell’allocazione della banda. Quest’ultima caratteristica in particolare si adatta perfettamente alle potenzialità dell’ATM, che fornisce risorse su richiesta secondo il tipo di servizio. Nei capitoli successivi sono analizzate diverse configurazioni di protocollo in riferimento a due distinti sistemi. Un primo sistema prevede l’uso di un canale satellitare sfruttando TCP/IP e DVB-S. Lo scopo del lavoro è quello di determinare l’entità di eventuali benefici introdotti da alcune modifiche al controllo di flusso del TCP. A tal fine sono state paragonate le prestazioni del sistema in termini di ritardo ed utilizzazione delle risorse di rete. Il secondo sistema proposto sfrutta le potenzialità dell’ATM per il trasporto di traffico multimediale. In particolare, è stato studiato l’interworking tra il controllo di flusso del TCP e quello dell’ATM, proponendo diverse modifiche e analizzandone le prestazioni. E’ stato proposto, inoltre, l’uso di un canale di ritorno terrestre tramite rete ISDN, sfruttando così i benefici di un ridotto Round Trip Time.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Leonardo Alberti Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1406 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.