Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La figura del drago in alcune opere del mondo medievale germanico

la figura del drago nel tempo, la sua personificazione del caos, lo scontro con l'eroe, la sua personificazione dell'essere malvagio per eccellenza, la sua presenza nel mondo germanico in generale e lo studio della sua figura in alcuni testi del mondo mediavale germanico come nel Tristan di Gottfried von Strassburg, nelle due Edda nordiche e nel Beowulf

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Questo lavoro nasce da un mio grande interesse per il periodo medievale e, in particolare, da una profonda passione nutrita fin da sempre per quelle bestie favolose e per quei mostri immaginari che popolarono le leggende e le lettera- ture di questa misteriosa età. Questi esseri, che mi hanno affascinato e che tuttora continuano a farlo per l’aura di mistero che avvolge la loro figura, assumono spesso, nelle opere in cui compaiono, dei significati simbolici di non sempre facile interpretazione. Di tale fauna fantastica una componente di spicco per la sua straordinaria forza e per gli svariati simbolismi che spesso la accompagnano è, senza ombra di dubbio, il drago. Presente in tutte le mitologie del mondo e figura principale di moltissime opere (poemi eroici, poemi cortesi, favole, ecc.), questa creatura ci viene presentata, il più delle volte, come rappresentante per eccellenza del Male e delle Forze Oscure che minacciano incessantemente l’Ordine Cosmico. Scrivere del mondo del drago nella sua totalità e studiare la figura di questo mostro seducente a 360 gradi significherebbe, naturalmente, cimentarsi in un’impresa infinita, quasi impossibile.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Salvatore Laudicina Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1837 click dal 19/10/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.