Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La scuola e il rapporto educativo nella narrativa italiana tra '800 e '900

Il presente lavoro analizza e mette a confronto la scuola e il rapporto educativo dall'800 al '900 attraverso alcuni dei più importanti libri della narrativa italiana.

Mostra/Nascondi contenuto.
La scuola e il rapporto educativo nella narrativa italiana dall’800 al ’900 3 Introduzione Il presente lavoro si prefigge lo scopo di esaminare la rappresentazione della scuola e del rapporto educativo nella narrativa tra Ottocento e Novecento. Il lavoro è stato suddiviso in tre parti in base alla datazione dei testi. Ciascuna di esse è corredata di una cornice di inquadramento storico, politico e sociale che rimanda alla storia della scuola nel relativo periodo. Nei paragrafi in cui si parla dell’istituzione della scuola non sono sempre descritti tutti i livelli di istruzione, ma solo quelli legati al testo narrativo analizzato. Si ritiene doveroso un accenno sulle principali riforme che hanno riguardato la scuola dalla legge Casati ad oggi, sintetizzate, schematizzate e inserite come allegati. La Scuola si può considerare come il luogo in cui, dal rapporto di insegnamento/ apprendimento, di per sé interattivo e multidirezionale, si diparte un sistema di comunicazioni che coinvolge un numero sempre crescente di soggetti, fino ad investire l’intera società. Questa definizione non può sovrapporsi all’idea di scuola che esisteva nel passato: l’aspetto che accomuna l’idea di scuola nelle varie realtà storiche è da individuare nello sforzo di trasmettere conoscenze, in modo intenzionale, affinché coloro a cui vengono trasmesse entrino a far parte attivamente della società. Il concetto di scuola, così espresso è, però, certamente parziale. A quanto detto vanno aggiunte altre caratteristiche, ineliminabili dal concetto di scuola, che completano la definizione: ξ La scuola deve essere un insieme di azioni che trovano la ragione del proprio agire in sé stesse, autodeterminandosi iuxta propria principia (autonomia).

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Maria Cristina Pititto Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4247 click dal 21/09/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.