Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il montaggio in '' The thirty-nine steps ''. Nascita della spy story hitchcockiana

Al genio di Hitchcock bastano poche immagini, ma appropriate, per farci partecipi della magia del cinema, per aver sua la nostra coscienza di spettatori. Anzi è proprio nella forma in cui egli dà corpo a situazioni e ad atmosfere del racconto, ottenuta grazie a una ragionata combinazione fra scelte "lessicali" ed intuizioni "sintattiche", che ha sede quella che in arte viene definita fascinazione: "L'absorption de la conscience par le spectacle. (...) Le mouvement imperceptible vers l'écran de tout l'être tendu".

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il montaggio, creatore astratto di senso, mantiene lo spettacolo entro la sua irrealtà necessaria. André Bazin Questa parola, negli anni della nostra giovinezza cinematografica aveva qualcosa di magico. Montaggio: suonava come un incantesimo, un apriti sesamo buono per tutte le grotte piene di tesori del cinema. Sergej Jutkevic Il volto assorto di Madame Blanche appare incorniciato dentro una sfera di cristallo, ovvero il mezzo dove, appena prima, sono scorsi i titoli di testa di Complotto di famiglia (1976). La veggente è in contatto medianico con Henry, uno spirito guida, perché interceda con la sorella defunta della facoltosa signorina Rainbird, la committente della "seduta", la cui presenza in scena è scoperta alla conclusione di una lenta panoramica verso sinistra. L'anziana donna è in preda ai rimorsi ed è pronta a tutto, anche a interpellare l'aldilà, pur di ritrovare il figlio illegittimo di sua sorella, che lei stessa lasciò in affidamento, molti anni prima, per evitare lo scandalo. Ma M.me Blanche è già a conoscenza del passato della cliente ed Hitchcock ce lo fa capire smascherandone il proposito truffaldino con un semplice primo piano: la ritrae mentre sbircia furbescamente tra le dita delle mani, portate al volto per concentrare le forze, in realtà per celare uno spontaneo quanto inopportuno risolino. Al genio di Hitchcock bastano poche immagini, ma appropriate, per farci partecipi della magia del cinema, per aver sua la nostra coscienza di spettatori. Anzi è proprio nella forma in cui egli dà corpo a situazioni e ad atmosfere del racconto, ottenuta grazie a una ragionata combinazione fra

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Simone Grassetto Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1155 click dal 28/09/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.