Skip to content

Sulle tracce dei mitogrammi. Il recupero del linguaggio mitografico nella pubblicità contemporanea su carta stampata

Informazioni tesi

  Autore: Mara Menini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Gianfranco Granbassi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 162

Il nostro lavoro prende l’avvio da una riflessione dell’antropologo e paleontologo André Leroi-Gourhan sui modi di rappresentazione mitografici e sul tipo di pensiero, propriamente mitico, di cui essi sarebbero espressione. Lo studioso, non restringe il concetto di linguaggio mitografico alle iscrizioni del Paleolitico, ma lo allarga anche ad altri modi di rappresentazione, tra cui alcuni utilizzati dalla comunicazione pubblicitaria. E’ a partire da queste osservazioni, e sulla scia delle considerazioni di J.- M. Floch, che hanno illustrato e sviluppato, nel contesto della pubblicità francese, le tesi di Leroi-Gourhan da un punto di vista semiotico, che si è deciso di verificare la presenza dei mitogrammi nella pubblicità contemporanea in carta stampata, in ambito italiano. Nell’intraprendere la nostra analisi, abbiamo quindi preso a prestito il termine mitografia dal paleontologo francese, per il quale esso indica un mezzo di espressione in cui “il pensiero dispone graficamente di un modo di espressione per così dire irraggiante” (a differenza di altri modi di espressione che accostano in modo lineare e in successione le figure o i caratteri), e il termine mitogramma, che egli definisce in opposizione al pittogramma non solamente come un certo tipo di immagine, ma anche come un certo modo di pensiero, “primitivo” e non razionale. Il mitogramma è caratterizzato dalla disposizione delle figure in uno spazio “irraggiante” e dalla rappresentazione non degli stadi successivi di un’azione, ma dei personaggi non strutturati linearmente, che sono i protagonisti di un’operazione mitologica. Così come questo particolare stile di espressione era utilizzato per narrare una leggenda o un mito, da cui trarre i valori fondativi di una comunità, così il mitogramma pubblicitario diventa occasione per il pubblico di raccontarsi una storia, aggiungere significati e azioni a delle figure simboliche, tra cui spesso esiste solo qualche relazione stabilita e spazializzata. Il nostro lavoro è stato quello di ricercare, all’interno dei quotidiani, settimanali e mensili italiani a maggior tiratura, usciti in un lasso temporale di un mese, esempi di mitogrammi pubblicitari. Tra quelli trovati, alcuni sono stati analizzati attraverso gli strumenti della semiotica plastica, al fine di coglierne i significati in modo più preciso e completo. Nel nostro elaborato, che è stato diviso in tre parti, gli esiti di questa attività sono riportati nella parte terza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il nostro lavoro prende l’avvio da una riflessione dell’antropologo e paleontologo André Leroi-Gourhan sui modi di rappresentazione mitografici e sul tipo di pensiero, propriamente mitico, di cui essi sarebbero espressione. Lo studioso, non restringe il concetto di linguaggio mitografico alle iscrizioni del Paleolitico, ma lo allarga anche ad altri modi di rappresentazione, tra cui alcuni utilizzati dalla comunicazione pubblicitaria. E’ a partire da queste osservazioni, e sulla scia delle considerazioni di J.- M. Floch, che hanno illustrato e sviluppato, nel contesto della pubblicità francese, le tesi di Leroi-Gourhan da un punto di vista semiotico, che si è deciso di verificare la presenza dei mitogrammi nella pubblicità contemporanea in carta stampata, in ambito italiano. Nell’intraprendere la nostra analisi, abbiamo quindi preso a prestito il termine mitografia dal paleontologo francese, per il quale esso indica un mezzo di espressione in cui “il pensiero dispone graficamente di un modo di espressione per così dire irraggiante” (a differenza di altri modi di espressione che accostano in modo lineare e in successione le figure o i caratteri), e il termine mitogramma, che egli definisce in opposizione al pittogramma non solamente come un certo tipo di immagine, ma anche come un certo modo di pensiero, “primitivo” e non razionale. Il mitogramma è caratterizzato dalla disposizione delle figure in uno spazio “irraggiante” e dalla rappresentazione non degli stadi successivi di un’azione, ma dei personaggi non strutturati linearmente, che sono i protagonisti di un’operazione mitologica. Così come questo particolare stile di espressione era utilizzato per narrare una leggenda o un mito, da cui trarre i valori fondativi di una comunità, così il mitogramma pubblicitario diventa occasione per il pubblico di raccontarsi una storia, aggiungere significati e azioni a delle figure simboliche, tra cui spesso esiste solo qualche relazione stabilita e spazializzata. Il mitogramma pubblicitario, a dispetto della radice etimologica del termine, non fa necessariamente riferimento ad un racconto mitico: il mito, nella sua accezione ristretta, può serpeggiare dietro alle immagini, altre volte si può trovare un riferimento ad un personaggio o ad un evento che interpretano i valori e le aspirazioni di una collettività (accezione ristretta del termine). Ma la sua presenza non è determinante. Rispetto ai mitogrammi “antichi”, che presentavano i personaggi protagonisti di un

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione visiva
immagini
leroi-gourhan
linguaggio irrazionale
linguaggio mitografico
mitogrammi
pittogrammi
pubblicità stampa
semiotica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi